Narni e Amelia, 12 strutture periferiche si dotano di defibrillatori semiautomatici

Narni e Amelia, 12 strutture periferiche si dotano di defibrillatori semiautomatici

Si potenzia, nei territori di Narni e Amelia, la rete capillare di dispositivi salvavita in grado di riconoscere e interrompere, tramite l’erogazione di una scarica elettrica, aritmie responsabili dell’arresto cardiaco, quali la fibrillazione ventricolare e la tachicardia ventricolare.

L’Azienda Usl Umbria 2 ha acquisito, nell’ambito del progetto “città cardioprotette”, numerosi defibrillatori semiautomatici (DAE) destinati alle sedi periferiche del distretto di Narni e Amelia, che andranno ad aggiungersi ai dispositivi attualmente in funzione.

Venerdì 20 settembre alle ore 12, presso la sede del Distretto di Narni-Amelia dell’Azienda Usl Umbria 2 in  piazza Augusto Vera ad Amelia, è previsto  il  collaudo, un breve training e la consegna dei defibrillatori semiautomatici che saranno collocati in dodici strutture e potranno essere utilizzati dai sanitari del Centro Salute di  Narni, dei PES (Punto Erogazione Servizi) di Montecastrilli, Alviano, Giove, Otricoli e Calvi, dei poliambulatori specialistici di Amelia, del centro di Salute Mentale, servizio Dipendenze, Consultorio e servizio di  Neuropsichiatria dell’età  evolutiva di Narni e del Consultorio di Amelia.

“Si tratta – spiega il commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 dottor Massimo Braganti – di un significativo ampliamento della dotazione di dispositivi salvavita distribuiti in modo capillare nel nostro territorio, che si vanno ad aggiungere a quelli già esistenti e che garantiranno un soccorso immediato e un’assistenza adeguata nei casi di arresto cardiaco”.

Un fattore fondamentale affinché il procedimento di defibrillazione sia efficace è che lo stesso venga eseguito in tempi brevissimi. Per ogni minuto che passa senza ricevere alcun intervento dopo la comparsa dell’arresto cardiaco improvviso, la percentuale di sopravvivenza si riduce del 10 per cento.
È, pertanto, indispensabile sottoporre rapidamente il paziente ad un trattamento tempestivo per prevenire il decesso. “La disponibilità di DAE in tutte le sedi distrettuali e la presenza di professionisti ed operatori sanitari adeguatamente formati – conclude il manager sanitario – sono in grado di fare la differenza”.

Alle operazioni di consegna e collaudo in programma venerdì 20 settembre prenderanno parte il direttore sanitario dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Camillo Giammartino, il direttore del distretto di Narni-Amelia dr. Giorgio Sensini, gli istruttori e il personale formato grazie ai corsi BLS-D, Basic life support defibrillation, promossi dalla Usl Umbria 2 e rivolti al personale e agli esterni (nel corso dell’anno sono previste e già parzialmente effettuate 38 edizioni BLS-D base e 20 edizioni BLS-D Retraining in tutte le sedi aziendali di Terni, Foligno, Narni, Amelia, Orvieto, Spoleto, Norcia e Cascia).

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
17 + 7 =