Il Registro tumori riparte, per valutazione dati e ricerca

Incontro Regione Umbria-Unipg su temi strategici

Il Registro tumori riparte, per valutazione dati e ricerca

Il Registro tumori riparte, per valutazione dati e ricerca

Il Registro tumori riparte sia nella sua funzione di ricerca scientifica sia di valutazione dei dati epidemiologici, con l” auspicio di tornare in breve tempo ai risultati prestigiosi raggiunti in passato, a livello nazionale e internazionale.

Se ne è discusso oggi in un incontro definito “proficuo” dai protagonisti, tra i rappresentanti della Regione Umbria e dell” Università degli Studi di Perugia, nel corso del quale sono stati affrontati temi strategici quali i progetti legati al Pnrr con il contributo dell” Università, il punto della situazione sulla stesura del Piano socio-sanitario regionale e l” aggiornamento sulla convenzione tra Regione e Università, ormai prossima alla firma, oltre, come detto, al riavvio dei lavori del Registro tumori.

Le delegazioni erano guidate dalla presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, dal rettore dell” Università degli studi di Perugia, Maurizo Oliviero, e dall” assessore regionale alla salute, Luca Colettto.

In particolare, l” accordo per il proseguimento delle attività del Registro tumori umbro di popolazione (Rtup) è il frutto di un lungo lavoro che ha portato ad un nuovo modello organizzativo, che grazie alla regia della Regione Umbria ed in virtù del ruolo strategico e dell” apporto logistico di Umbria Salute e Servizi, garantisce la prosecuzione dell” attività scientifica dell” Università di Perugia.

L” aspetto fondamentale è che il Registro coniuga al suo interno sia la prospettiva dell” innovazione e dello sviluppo che quella dell” ordinaria produzione di dati confluenti nel Registro tumori nazionale. Il Registro, non si limiterà alla mera registrazione dei dati ma sarà integrato con i programmi di screening e con la rete oncologica: l” obiettivo è di contribuire attivamente allo sviluppo dell” oncologia nella regione e sul territorio nazionale.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*