Allarme sangue, continuano le emorragia delle donazioni Avis in Umbria

L’emorragia non si arresta perché nel mese di gennaio di questo anno ne sono state raccolte 180 in meno del gennaio 2017

Allarme sangue, continuano le emorragia delle donazioni Avis in Umbria
sangue

Allarme sangue, continuano le emorragia delle donazioni Avis in Umbria

L’Avis in Umbria “dona” il 90% delle donazioni e nel 2016 gli avisini hanno effettuato 1.891 donazioni in meno rispetto al 2015, nel 2017 ulteriori1.356 in meno rispetto all’anno precedente per un totale nei due anni di meno 3.247 donazioni pari al – 7,94%.

 Occorrono almeno 150 donazioni giornaliere ed oggi la media è di 110 e diverse volte, in questi ultimi tempi, ciò che a livello chirurgico era possibile rinviare è stato rinviato o si è provveduto ad importare sacche da regioni eccedenti che, oggi, non lo sono più.

L’emorragia non si arresta perché nel mese di gennaio di questo anno ne sono state raccolte 180 in meno del gennaio 2017 e nel corrente mese di febbraio si prevede una ulteriore perdita di 200 donazioni.

Tra le cause della diminuzione degli accessi nell’area della ex Asl 3 si ha la inutilizzabilità dei Punti di raccolta di Cascia Norcia, dovuta agli eventi sismici, mentre si rileva un evidente calo delle donazioni nelle Avis di SpoletoPerugia Terni, lo scorso anno, ha meravigliato inoltre l’evidente calo di donazioni di Città di CastelloGualdo Tadino Umbertide; preoccupa il costante calo delle donazioni ad Assisi.

L’inversione di questa tendenza, può avvenire solo se tutte le componenti del Servizio agiranno in sintonia; nello scorso mese di novembre l’Avis Regionale ha sollecitato le Direzioni Generali delle Aziende Ospedaliere e Sanitarie ad attuare quanto lo stesso “Piano regionale sangue” prevede, come ad esempio: l’anticipazione degli orari di apertura, la possibilità di prenotare l’accesso, effettuare aperture domenicali concordate con invio di almeno dodici donatori o più, aperture pomeridiane e aumento delle pratiche di plasmaferesi.

Finalmente qualcosa si muove: l’Azienda ospedaliera di Perugia e la USL 1, per il punto di raccolta fisso dell’Ospedale di Pantalla, effettuano già da tempo, e con successo, aperture domenicali; a queste si aggiungeranno, come da accordi raggiunti con le direzioni, il SIT di Foligno con aperture suFoligno, Spoleto, Narni ed Orvieto e del SIT di Terni; le date previste sono quelle dei prossimi 18 marzo, 20 maggio e 15 luglio 2018: sarà possibile la prenotazione dell’accesso, rivolgendosi alla propria Avis di appartenenza, entro il venerdì precedente secondo le disponibilità dei Servizi.

A questo punto sarà necessario che i dirigenti delle Avis Comunali accrescano il loro impegno nel “chiamare” e mobilitare i donatori e i donatori rispondano responsabilmente alla chiamata, affinché il loro gesto “volontario” sia un servizio alla collettività su cui poter contare: solo in questo modo l’Avis potrà confermare la sua affidabilità e credibilità e potrà continuare la sua azione di sollecitazione, affinché tutto quanto come previsto nel piano regionale e nella convenzione sottoscritta con l’Ente Regione e le aziende ospedaliere e sanitarie venga realizzato.

L’Avis assume l’impegno di informare costantemente la collettività sulle necessità ed invita tutti quelli che sono nelle condizioni di farlo a donare con periodicità: più donazioni più sicurezza per tutti.

 

1 Trackback / Pingback

  1. Per ogni nuovo donatore di sangue sarà piantato un albero

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*