Giovani tra droga ed eventi satanici, durissima omelia dell’arcivescovo Boccardo

Giovani tra droga ed eventi satanici, durissima omelia dell’arcivescovo Boccardo

Il vescovo Renato Boccardo denuncia la presenza di droga nelle piazze della città, ma anche la vendita di alcolici agli adolescenti. Lo ha fatto in occasione delle celebrazioni dell’Assunta nella Cattedrale di Spoleto. In base a
quanto ricostruito monsignor Boccardo si sarebbe implicitamente riferito a una serie di episodi che si sono verificati sotto i portici del Duomo dove recentemente, viene spiegato dalla Curia, sono state e anche trovate siringhe.

“Nelle nostre piazze gira liberamente la droga e in alcuni pretesi contesti culturali del nostro territorio si inneggia a Satana. La consapevolezza del destino umano ultimo, che è la partecipazione alla gloria e alla vita di Dio e fonda e richiama la dignità e la libertà di ogni persona, stride – ha sottolineato il Presule – con quanto vediamo quasi quotidianamente attorno a noi, sia a livello locale che continentale. I minorenni hanno pubblicamente accesso incontrollato alle bevande alcooliche, nelle nostre piazze circola liberamente la droga, in alcuni pretesi eventi artistici e culturali del nostro territorio si inneggia a Satana e si invitano i bambini a fare altrettanto. La nostra coscienza di adulti – famiglie e comunità civile ed ecclesiale – non può rimanere inerte di fronte a questo degrado: in quale contesto vogliamo far crescere i nostri adolescenti e giovani? quale futuro stiamo preparando per loro? in quale società si troveranno a vivere?”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*