Sicurezza Perugia, passeggiata di Forza Nuova a Fontivegge

Sicurezza Perugia, passeggiata di Forza Nuova a Fontivegge
Sicurezza Perugia, passeggiata di Forza Nuova a Fontivegge Come preannunciato, lo scorso venerdì sera, i militanti di Forza Nuova e Lotta Studentesca Perugia hanno effettuato una passeggiata per la sicurezza nella zona di Fontivegge. La risposta dei militanti forzanovisti, alla recente aggressione con il coltello  di una ragazza ad opera di un nordafricano, è  stata immediata.
Non si può più tollerare la violenza ad opera di chi non dovrebbe neanche dovrebbe risiedere in Italia. I perugini, con Forza Nuova, attraverso le passeggiate della sicurezza tornino a riprendersi e a vivere i propri spazzi liberandoli dalla violenza e dalla sopraffazione di malviventi soprattutto di estrazione stranieri.
Le passeggiate della sicurezza di Forza Nuova  sono un’attività di supporto al lavoro delle autorità, da intendersi come presidio, vigilanza ed eventuale segnalazione. Droga, degrado e paura sono infatti  gli elementi che contraddistinguono oramai lo scenario di Fontivegge, un luogo dove le persone per bene sono terrorizzate nel doverci solamente transitare, in particolar modo nelle ore serali. Fatto questo particolarmente esecrabile visto che la stazione costituisce la cartolina di accesso a Perugia per turisti e studenti universitari.
Laddove lo Stato è assente e i pattugliamenti delle forze dell’ordine rimangono sporadici interviene Forza Nuova per colmare queste gravi carenze, senza tuttavia, avere la pretesa di sostituirsi ad essi. Certi di raccogliere il consenso e il sostegno della popolazione noi di Forza Nuova riproporremo queste passeggiate con l’intento di agire come pungolo, sia agli amministratori locali sul tema della sicurezza, sia al cittadino nell’auspicabile opera di riappropriazione del proprio quartiere. Non possiamo più rimanere a guardare indifferenti la decadenza di Fontivegge, dove spaccio, regolamenti di conto fra pusher e tentativi di rapina costituiscono eventi quasi quotidiani.
Riprendiamoci i nostri quartieri, difendiamo le nostre donne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*