Ricostruzione post terremoto, Zaffini Prisco (FdI), meno burocrazia

Ricostruzione post terremoto, Zaffini Prisco (FdI), meno burocrazia

Ricostruzione post terremoto, Zaffini Prisco (FdI), meno burocrazia

Proteggere i sindaci dei Comuni terremotati, conferire maggiori poteri alla Protezione civile e annullare le tasse «finché non si torna alla normalità». E’ stato presentato stamani alla sala stampa della Camera, dal presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni accompagnata dal senatore Franco Zaffini e dal deputato Emanuele Prisco, un pacchetto di riforme per la ricostruzione delle zone colpite dal sisma. «Ci vuole un potere forte come la Protezione Civile – ha detto Zaffini – in grado di derogare le normative ordinarie initilizavili».

Leggi anche: Allarme per semina lenticchia a Castelluccio di Norcia, serve la strada

Lungaggini e immobilismoChe spiega: «Le leggi di quattro Regioni sono differenti e disomogenee in quanto ci si è limitati a copiare la normativa emiliana che in molti punti non è applicabile all’Umbria. E ciò determina il blocco delle autorizzazioni. Inoltre i sindaci vanno tutelati – prosegue Zaffini – questo chiaramente non significa impunità ma poter aprire cantieri (soprattutto di opere pubbliche) prima possibile ».

Per contrastare, dunque, le «lungaggini e l’immobilismo» Fratelli d’Italia annuncia la presentazione di alcune riforme. «Non possiamo pensare di gestire un evento straordinario con regole ordinarie – ha sottolineato Prisco -. Ciò vale per la ricostruzione delle opere pubbliche ma anche per quanto riguarda la tassazione dei privati».

Annuncia il neo deputato: «Zero tasse per residenti, attività produttive dipendenti e professionisti, almeno finché non si tornerà alla normalità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*