Lucidi M5s, la Ricostruzione post sisma è fallita, dimettetevi

Lucidi M5s, la Ricostruzione post sisma è fallita, dimettetevi

Lucidi M5s, la Ricostruzione post sisma è fallita, dimettetevi Sull’operato della struttura commissariale che ha gestito fino ad oggi la ricostruzione post sisma arriva impietoso il giudizio del “Sole 24 Ore”. Il quotidiano di note simpatie grilline, nel pezzo dell’edizione del 23 ottobre, “Centro Italia dimenticato la ricostruzione è al palo”, a firma Raffaella Calandra, sciorina dati e cifre che non lasciano alibi a quelle persone che vorrebbero difendere l’indifendibile. “Non si è fatto nulla, in alcuni casi la situazione è peggiorata rispetto al 2016, pochissimi cantieri aperti e 70% di turismo in meno”.

“Ma nonostante l’evidenza – sottolinea il Senatore Lucidi – si alza come un solo uomo la voce della politica umbra Marini (PD), Nevi (FI), Grimani (PD), Alemanno (FI), Chiacchieroni (PD), Trancassini (FI), Leonelli (PD), tutte raccolte in un articolo di un giornale locale. Delle vere e proprie prove tecniche di Leopolda umbra, una levata di scudi dal PD e Forza Italia sulla modifica della struttura commissariale per il sisma del centro Italia”

“Tutti d’accordo nel difendere solo ed esclusivamente la vana autorità dei governatori” – prosegue Lucidi – “è questo che bisogna dire ai cittadini. Non interessano i problemi e i ritardi, non interessa la macchina ferma, ma solo mantenere lo status-quo dell’autorità sui cittadini. Con quale faccia si difende il lavoro che il Sole 24 ore proprio in queste ore, manca farlo apposta, boccia pesantemente?”.

“Da segnalare, in particolar modo, il contributo del moribondo PD spoletino che per bocca di Camilla Laureti, che a suo modo aveva anticipato la grande accozzaglia leopoldina tra destra e sinistra umbra, sotto l’egida della presidente Marini, tentando una alleanza cittadina che si è rivelata rovinosa. In maniera molto ingenua e retorica la candidata sindaco, – riprende Lucidi – richiama all’unità verso i temi, ma dimentica che il suo partito non ha mai ascoltato nessuno, nemmeno i suoi esponenti, figurarsi le opposizioni, quando regalava miliardi alle banche invece di aiutare le migliaia di cittadini truffati. In quel caso l’unità non serviva, eppure anche quello è stato un grande terremoto per la nostra società”.

“È evidente – conclude il senatore spoletino – che il ruolo consultivo dei Governatori assegna a loro una funzione determinate perché potranno dare voce ai territori che rappresentano e che amministrano ma tutto questo sfugge al dibattito pubblico perché ciò che conta per l’accozzaglia della Leopolda umbra, che è il punto finale del patto del Nazareno è solo il mantenimento della sola autorità.  Non è chiaro a queste persone che se avranno delle idee valide da portare al tavolo della discussione quelle idee verranno accolte, sta a loro adesso l’onere di proporle”.

Il Partito Democratico e Forza Italia rappresentano l’aristocrazia politica italiana, annoiata e distante dai cittadini, avete a cuore solo le sorti dei vostri partiti e delle vostre poltrone e non avete tempo per pensare ai cittadini, quindi ora lasciateci governare l’Italia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*