Lega Spoleto, nuovo impatto economico positivo per l’edilizia

 
Chiama o scrivi in redazione


Lega Spoleto, nuovo impatto economico positivo per l'edilizia

Lega Spoleto, nuovo impatto economico positivo per l’edilizia. “Aver dotato la città di un nuovo piano regolatore atteso dal 2008 avrà sicuramente un impatto positivo per il comparto dell’edilizia che in questi ultimi anni ha sofferto più di altri la crisi economica del settore”.

L’intervento è della Lega Spoleto a margine dell’approvazione in consiglio comunale delle osservazioni sul PRG.

“È questo l’esito di una volontà a forte connotazione Lega – proseguono – a partire dall’Assessore Francesco Flavoni, dal presidente della III Commissione Giampaolo Fagotto Fiorentini e degli altri membri Lega che hanno sempre garantito anche in consiglio una costante presenza alle votazioni.

Ricordiamo, come dichiarato anche in Aula, che per velocizzare l’approvazione in tempi brevi è stato preso come punto di riferimento il Prg già stilato dalla precedente amministrazione.

Per tale motivo rimaniamo esterrefatti dalle dichiarazioni in sede di consiglio di alcuni membri dei gruppi di minoranza che in passato avevano contribuito alla stesura di questo Prg.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Briziarelli (Lega), consegna farmaci a domicilio, l’Umbria si attivi

La loro critica del “non aver avuto una visione per la crescita della città” è un boomerang clamoroso che si ripercuote inesorabilmente anche sul loro operato. Il precedente Prg – prosegue la Lega – prevedeva una città di 60.000 abitanti, cosa utopistica sulla quale la sinistra aveva fatto campagna elettorale di bruniniana (Brunini ex sindaco) memoria. Quello approvato invece è un Prg che prevede circa un milione di metri quadri in meno edificabili, ulteriormente ridotto di 50.000 mq nella fase successiva. In questo caso parliamo di volontà politica della Lega di non consumare territorio a discapito di uno spopolamento del centro storico.

Confidiamo con questo atto di dare ossigeno ad un settore trainante dell’economia, perchè se l’edilizia riparte, allora tutto l’indotto degli artigiani ne gioverà sbloccando una situazione che va a regolarizzare anche il periodo di limbo tra il vecchio Prg approvato nel 2008 e questo nuovo documento, con tutte le problematiche che in questi anni hanno caratterizzato tale situazione. Ci riteniamo estremamente soddisfatti – conclude la Lega Spoleto – di aver dotato la città di un nuovo piano regolatore dopo 12 anni. Adesso si passerà alla fase operativa, mettendo mano alla perequazione, sempre a fianco dei cittadini in rispetto delle leggi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*