Batosta elettorale, Lorena Pesaresi, Pd umbro non cambia passo

si attuano le stesse pratiche le stesse logiche chiuse perseguite in questi anni. Si incontrano in pochi e spostano eserciti che non si hanno più

Batosta elettorale, Lorena Pesaresi, Pd umbro non cambia passo
lorena-pesaresi-edi-cicchi

Batosta elettorale, Lorena Pesaresi, Pd umbro non cambia passo

da Sinistra Laburisti PD Umbria
Sinistra Laburisti PD Umbria “Dopo il 4 di marzo dopo una sconfitta così pesante
ci si aspettava un cambio di passo per il PD Umbro ed invece si attuano le stesse pratiche le stesse logiche chiuse perseguite in questi anni. Si incontrano in pochi e spostano eserciti che non si hanno più. I segretari provinciali di Perugia e Terni più il capogruppo Regionale ed il tesoriere stanno facendo delle “consultazioni “ per individuare una reggenza che ci porti fino al prossimo congresso.

Non sappiamo chi stanno consultando , non conosciamo i criteri ma leggiamo di incontri riservati , già gli stessi incontri che hanno trasformato il partito in un salotto esclusivo.

Le stesse dimissione del segretario regionale andrebbero inquadrate e discusse in un contesto più ampio, la sconfitta del 4 marzo è figlia di scelte politiche nazionali di un atteggiamento ostinato ed esclusivo ma anche di una visione politica del PD regionale che non ha colto i veri punti di sofferenza da aggredire.

Sarebbe utile chiamare il nostro popolo, iscritti ed elettori sentire da loro cosa pensano delle scelte di questi anni di sentire non solo il parere di imprenditori illuminati ma anche di quelle persone che alla fine del mese non ci arrivano, potrebbero emergere opinioni diverse dai soliti luoghi comuni sentiti fin qui, non si convoca neanche l’assemblea regionale competente per statuto ma la direzione organo nominato per quote dalle correnti, bisogna essere certi che dotti medici e sapienti possano operare in tranquillità , insomma tutto cambia al fine che tutto rimanga com’è.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*