Il consiglio comunale favorevole alla ripartenza di Gimo

Il consiglio comunale favorevole alla ripartenza di Gimo

Il consiglio comunale favorevole alla ripartenza di Gimo. Il 30 luglio il Consiglio Comunale ha approvato una mozione presentata dai consiglieri Bori e Bistocchi sulla mobilità notturna, in particolar modo riguardo la riattivazione del servizio Gimo. I dati definitivi non sono ancora stati diffusi da BusItalia o dalle istituzioni (Comune e Regione), ma già nel periodo estivo, fino a fine Giugno, si è evidenziato un incremento dell’utilizzo pari al 50% in più rispetto all’anno precedente e nei mesi invernali il servizio era alla pari, in termini di utenza, con le linee diurne.

Di fronte a questi dati più che positivi, a dimostrazione che la Città ha ormai favorevolmente recepito l’esistenza del servizio Gimo, è inimmaginabile che tale servizio non riparta in autunno e soprattutto che non venga stabilizzato da parte del Comune di Perugia. Il voto favorevole è un primo importante passo verso questo obiettivo, ma è ora necessario che il sindaco e la Giunta si esprimano definitivamente sul renderlo un servizio stabile.

Lorenzo Gennari, Coordinatore della Sinistra Universitaria UdU Perugia: “La notizia dell’approvazione da parte del Consiglio della mozione è un segnale importante, denota come la volontà di rendere Gimo una certezza per la Città e i suoi cittadini non sia solo una battaglia di parte, ma sia più trasversale di quanto si pensasse.

Dopo le aperture dell’assessore comunale Casaioli, seppur arrivate con mesi di ritardo, è necessario che l’Amministrazione dia una risposta definitiva sulle proprie intenzioni. Non si può continuare a rimandare la questione, i dati parlano chiaro: l’apprezzamento del servizio è diffuso e l’utilizzo cresce di anno in anno e i numeri di Umbria Jazz confermeranno la sua indispensabilità durante i grandi eventi.”

Melania Bolletta, Coordinatrice di Altrascuola Rete degli Studenti Medi Perugia: “La proposta avanzata dal Comune nel Pums relativamente alla mobilità notturna è in parte apprezzabile, ma non si può pensare che questa possa sostituire Gimo ed il percorso su cui è stato progettato. Tagliare la parte dei Ponti è inoltre sconsiderato, perché Gimo Ponti a livello di utenza è quasi alla pari con le altre due linee più “urbane” e la richiesta da quell’area del territorio perugino è considerevole, soprattutto da parte dei giovani. Bisogna dare uniformità ai servizi in tutto il comune, non escludere le periferie dalla loro fruizione: è una scelta politica miope. Il Comune dia seguito alla mozione approvata e stabilizzi Gimo in toto.”

Siamo stanchi di ripeterlo: Gimo è un servizio di cui Perugia necessità. I dati dimostrano che questa modalità di mobilità notturna è stata apprezzata, e questa mozione è un primo passo verso un percorso che va seguito, per il bene della cittadinanza tutta. Quindi perché perdere ancora tempo a cercare alternative? Quella di Gimo è l’unica strada verso una città vivibile al massimo e al servizio di tutti i cittadini, l’unica strada da seguire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*