Coronavirus, Pd Perugia chiede posticipo Tari, bollette acqua e mensa

 
Chiama o scrivi in redazione


Vicenda Nilo Arcudi, Sarah Bistocchi centrosinistra, faccia passo indietro

Coronavirus, Pd Perugia chiede posticipo Tari, bollette acqua e mensa

“Questo difficile momento per i nostri cittadini, per il nostro Paese, in tutte le sue mille sfaccettature, ci impone un serio ragionamento sulle azioni da mettere in campo, anche a livello locale e, soprattutto, ci obbliga ad una seria posizione di collaborazione nei confronti di tutte le Istituzioni, a partire dal Comune di Perugia.

È per questo che ci sentiamo di sostenere le azioni messe in campo dal Comune, a partire dall’aiuto alle persone anziane e in difficoltà per fare la spesa e acquisire i farmaci, fino alla sanificazioni delle strade. Tutte azioni giuste, volte alla salvaguardia della salute delle persone, soprattutto le più esposte e più deboli.

Ma non basta. In questa fase di profonda emergenza e difficoltà per le famiglie e i cittadini di Perugia, è importante dare un segnale senza tentennamenti, anche di carattere economico. È evidente che anche il bilancio comunale dovrà essere salvaguardato, ma in qualità di amministratori pubblici siamo chiamati prioritariamente a prendere decisioni al fine di garantire il benessere dei nostri cittadini. È per questo che proponiamo un iniziale pacchetto di interventi da realizzare subito, e da implementare in seguito:

–          Sospensione del pagamento delle rette dei nidi comunali per il mese di marzo (che si pagherà ad aprile) e per i periodi in cui non si usufruirà del servizio;

–          Sospensione del pagamento del servizio di refezione scolastica, per i periodi in cui il servizio non sarà usufruito dai bambini;

–          Posticipo scadenza della prima rata Tari, dal 3 aprile al 3 maggio, con possibilità di ulteriore dilazione a giugno (in questo caso si sposterebbe anche la seconda rata, dal 3 luglio al 3 settembre);

–          Posticipo delle bollette di Umbra Acque, almeno per le attività che in questa fase sono costrette a rimanere chiuse.

Sono piccole proposte che potrebbero portare dei benefici ai cittadini in questa difficile situazione, senza compromettere il bilancio comunale, che sarà portato in Consiglio comunale nelle prossime settimane”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*