Aree verdi di San Sisto, interventi entro fine ottobre

 
Chiama o scrivi in redazione


Aree verdi di San Sisto: interventi entro fine ottobre

da Nicola Volpi
Un intervento tempestivo che fa da apri pista ai cambiamenti di cui il quartiere di San Sisto ha più bisogno. Come annunciato qualche giorno fa, oggi, insieme all’assessore ai Lavori pubblici e Aree verdi del Comune di Perugia, Otello Numerini, ho preso parte a un sopralluogo che ha coinvolto alcune zone critiche di San Sisto. Un’occasione per confrontarci sugli impegni che intendo assumermi per migliorare anzitutto le aree verdi di quello che è anche il mio quartiere.

Siamo partiti dal parco del Riccio, dove recentemente sono state ritrovate persino delle siringhe, e, passando per l’area verde dove si organizza ogni anno la manifestazione nota come “Torneo dei pini” e per l’altra piccola area verde di via Francesco Siciliani, siamo arrivati fino al parco dell’Arcadia. Tutti luoghi che hanno bisogno di più pulizia e di interventi di ordinaria manutenzione: dall’installazione di nuovi giochi per i bambini, alla ricostruzione di staccionate, fino ai lavori sull’illuminazione. Sono aree ad alto potenziale di socialità ed è intollerabile lasciarle abbandonate all’incuria e al degrado.

Ritengo la risposta dell’amministrazione comunale puntuale ed esaustiva. L’assessore ha infatti ascoltato i cittadini raccontare le svariate problematiche che incontrano nella loro quotidianità. L’incontro fa seguito alle numerose segnalazioni che nei giorni scorsi avevo rivolto all’assessore, il quale si è dimostrato non solo interessato, ma anche deciso a trovare al più presto soluzioni concrete.

Voglio ringraziare tutti i cittadini che hanno preso parte al sopralluogo con uno spirito propositivo e di apertura al confronto. Sono convinto che insieme possiamo compiere passi in avanti nell’interesse del bene comune.
L’appuntamento è ora per fine ottobre, quando torneremo ad incontrarci con l’assessore per verificare i progressi fatti. Un pretesto per far conoscere a Numerini anche altre zone del quartiere che necessitano di attenzione e interventi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*