Risanamento 49 strade, “non una polemica, solo sottolineatura”

Risanamento 49 strade, "non una polemica, solo sottolineatura"

Risanamento 49 strade, “non una polemica, solo sottolineatura”

In un precedente intervento ho riportato e commentato la conferenza stampa del Comune di Perugia, che si tenne nel luglio 2016, relativa al Piano stradale in cui veniva annunciato il “risanamento di ben 49 strade”.


di Gianni Porzi


Dopo un anno, cioè a luglio del 2017, ci fu un’altra conferenza stampa che riterrei ancora più significativa in quanto il Comune tenta, a mio avviso con scarso successo visti i risultati nei tempi a seguire, di tamponare le polemiche sulla questione dello stato delle strade, polemiche peraltro giustificate.

Nella conferenza stampa, in cui fu presentato il Piano stradale 2017, l’assessore Calabrese affermò che “il Comune aveva deciso in itinere di sospendere il piano strade 2016 per evitare il proliferare di cantieri. Lo stesso valeva per i ripristini definitivi”. Cioè, in sostanza, si diceva che il piano dell’anno precedente non era stato rispettato perché ci sarebbero stati troppi cantieri. Ma non era un fatto prevedibile? Se il motivo fosse stato questo sarebbe stato sufficiente mettere meno “carne al fuoco”, fare cioè meno promesse e poi rispettarle distribuendo gli interventi in modo opportuno. Oppure erano state fatte previsioni oltre il possibile, cioè gettando il cuore oltre l’ostacolo, per dimostrare ai Perugini l’efficienza dell’amministrazione comunale rispetto al passato? Del tutto lecito rimarcare le differenze, ma poi contano i fatti non le parole.

Infine, molto singolare è anche il pensiero del Sindaco il quale affermava di “dormire sonni tranquilli sul tema strade, nonostante le polemiche e segnalazioni che giornalmente arrivano sui social o dalla stampa, perché da tempo l’Amministrazione e gli uffici stanno lavorando alacremente per restituire alla città strade finalmente risanate. Alle polemiche strumentali si è deciso di rispondere con i fatti”.

Osservazione dalla quale mi sembra trapeli un filo di arroganza – che a volte aleggia tra personaggi convinti di essere superiori/migliori – e di un certo fastidio nei confronti di Cittadini che segnalano situazioni sconcertanti della viabilità nella speranza che l’amministrazione vi ponga rimedio.

Far sentire la propria voce in modo educato è un diritto, mentre ascoltare è un’arte, diceva Von Goethe, e come tale avviene raramente. Comunque, i fatti sono sotto gli occhi di tutti, come pure le parole specialmente quando poi non corrispondono ai fatti. Dove poi siano i fatti a cui si riferiva il Sindaco è, almeno per lo scrivente, ancor oggi un punto interrogativo, come le strade risanate. Il fatto che il Sindaco riuscisse a dormire sonni tranquilli penso faccia piacere a tutti, anzi gli auguro sinceramente che continui a dormire tranquillo, ma non altrettanto tranquilli, probabilmente, sono gli automobilisti perugini quando percorrono le strade dissestate e, come se non bastasse, sentono certe dichiarazioni “poco simpatiche” dal Primo Cittadino (Il Primus inter pares).

In quella conferenza stampa del luglio 2017 vi sono poi altre cose interessanti, specialmente lette oggi quando è sotto gli occhi di tutti lo stato della viabilità che i Perugini sopportano da vari anni. Chi fosse interessato il link è : https://www.umbriajournal.com/perugia/piano-strade-2017-perugia-al-via-interventi-comunali-15-milioni-euro-242590

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*