‘Ndrangheta in Umbria, per la Lega bisogna sempre tenere alta l’attenzione

Cosche della 'ndrangheta anche in Umbria, vasta operazione della polizia | Video

‘Ndrangheta in Umbria, per la Lega bisogna sempre tenere alta l’attenzione “Un plauso alle Forze dell’Ordine e agli inquirenti per aver condotto con successo l’operazione che ha portato a decine di arresti e sequestri anche in Umbria e allo smantellamento di alcune storiche cosche appartenenti alla ‘Ndrangheta. Preoccupante come le ramificazioni mafiose si fossero insediate nel tessuto economico locale, campanello di allarme che impone alla politica di non abbassare mai la guardia di fronte a segnali di infiltrazioni della criminalità organizzata. Con l’istituzione della Commissione speciale antimafia in Regione Umbria, avremo un ulteriore strumento di monitoraggio sul territorio e manterremo sempre alta l’attenzione a tutela dei cittadini e della legalità”.
I Parlamentari Lega Umbria, Virginio Caparvi, Riccardo Augusto Marchetti, Luca Briziarelli e Simone Pillon.

Sulla stessa lunghezza d’onda i consiglieri regionali della Lega

“Un sentito ringraziamento alle Forze dell’ordine per l’operazione condotta dalla Polizia di Stato, coordinata dalle Procure di Catanzaro e Reggio Calabria, che ha portato all’arresto di elementi riconducibili alla criminalità organizzata calabrese e alle sue ramificazioni in Umbria”: lo afferma, a nome di tutto il gruppo consiliare della Lega a Palazzo Cesaroni, il presidente Stefano Pastorelli.

Attivare subito la Commissione d’inchiesta

“Nel rimarcare l’importanza dell’operazione – aggiunge Pastorelli – accogliamo con soddisfazione la decisione presa nella Conferenza dei capigruppo di attivare la Commissione d’inchiesta sulle infiltrazioni criminali nella nostra regione e auspichiamo che tale organo venga rapidamente istituito, come emerso dalla volontà di tutti i gruppi politici dell’Assemblea legislativa. Con questo organismo la Lega assicurerà il massimo impegno nel proporre iniziative tali da rendere più efficace il contrasto alla criminalità organizzata”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*