Regolamento Assemblea Umbria, approvato pacchetto modifiche

 
Chiama o scrivi in redazione


Regolamento Assemblea Umbria, approvato pacchetto modifiche

Regolamento Assemblea Umbria, approvato pacchetto modifiche

La Commissione speciale per le riforme statutarie e regolamentari di Palazzo Cesaroni, presieduta da Daniele Carissimi, ha approvato all’unanimità un pacchetto di modifiche da apportare al Regolamento interno dell’Assemblea legislativa dell’Umbria. “Si tratta – spiega il presidente Carissimi – di una profonda e significativa riforma attesa da anni, che interviene su 38 articoli dei 108 totali, con 88 commi completamente riscritti.

© Protetto da Copyright DMCA

Un lavoro che la Commissione è riuscita a portare a compimento dopo solo sette mesi e ben 20 sessioni dal suo formale insediamento. Una riforma che non conosce precedenti nella storia regionale in termini di articoli modificati e portata delle modifiche adottate, con l’obiettivo di dotare l’Assemblea legislativa di un Regolamento interno ora finalmente rinnovato ed aggiornato al contesto attuale”. “L’attuale Commissione Statuto – continua Carissimi – fin dal suo insediamento ha mostrato la propria vocazione modernizzatrice unita ad una dichiarata ambizione di ottenere risultati importanti e risolutivi. Modifiche ispirate attraverso un trasversale impegno dei commissari espressione di tutti i gruppi consiliari. Il conseguimento dell’obiettivo alla base della legge istitutiva della Commissione ci richiedeva i risultati che oggi rendiamo plastici dopo un serrato sforzo comune.

Questo è stato possibile grazie all’impegno di Andrea Fora, vicepresidente della Commissione, e ai consiglieri Eleonora Pace, Thomas De Luca, Fabio Paparelli e Vincenzo Bianconi, che con lo spirito propositivo e mai preconcetto, unitamente a quello del Segretario generale dell’Assemblea e dei competenti membri degli uffici della Regione che ci hanno costantemente supportato, hanno contribuito all’ottimo risultato”. “Con la seduta di oggi – prosegue Daniele Carissimi – si porta a compimento un lavoro intenso, fitto di incontri, confronti, bozze e politiche, durante il quale la Commissione ha esaminato senza sosta, e non senza difficoltà, tutto l’articolato del Regolamento interno con faticoso impegno e scrupolosa attenzione.

Le numerosissime modifiche hanno coinvolto i più diversi istituti del Regolamento interno a partire, solo per citarne alcune, da quelle relative alle assenze dei consiglieri, alla relativa sanzione, alla nuova formula per le sessioni telematiche a distanza, alla revisione delle tempistiche di intervento dei consiglieri interne all’Aula, alla riforma dello Statuto delle Opposizioni e al ruolo della Conferenza dei Capigruppo, alle norme sul procedimento di incompatibilità e ai cambiamenti sulle votazioni non considerando più gli astenuti come voti rilevanti. Le modifiche sono state approvate con voto unanime a testimonianza che il lavoro svolto è stato affrontato dai consiglieri con spirito di servizio verso regole comuni a tutte le forze politiche, attribuendo loro una voluta stabilità valida ben oltre l’attuale legislatura”.

“Con l’approvazione delle modifiche puntiamo – sottolinea Carissimi – a portare in Aula questo pacchetto di modifiche entro febbraio, e ci aspettiamo la definitiva approvazione. Tali regole contribuiranno da subito a portare quei cambiamenti che risultano urgenti, indispensabili e utili all’efficienza, efficacia e buon funzionamento dell’Assemblea legislativa, in modo da rendere la nostra azione più moderna e più aderente alle nuove necessità della comunità regionale. Una volta terminata questa prima fase passeremo ad un secondo momento di lavoro della Commissione, che sarà più articolato e complesso, in quanto riguarderà l’attuazione di tutte quelle modifiche statutarie che richiederanno scelte politiche di ampio respiro. Un lavoro – conclude il presidente – che porteremo avanti con i migliori suggerimenti della comunità giuridica e della società civile, puntando a regalare agli umbri una carta fondamentale di cui essere orgogliosi”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*