Azioni per il sostegno dei soggetti sovraindebitati, ok alla proposta Lega

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanitopoli, Lega, quali provvedimenti verso dipendenti pubblici coinvolti?

Azioni per il sostegno dei soggetti sovraindebitati, ok alla proposta Lega

L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato all’unanimità la mozione proposta dai consiglieri Paola Fioroni e Stefano Pastorelli (Lega) che impegna la Giunta regionale a prevedere azioni per il sostegno dei soggetti sovraindebitati. Nello specifico si chiede all’Esecutivo di “supportare e sostenere i consumatori ed i debitori non soggetti né assoggettabili a procedure concorsuali, per favorire ai suddetti soggetti sovraindebitati l’accesso alle procedure di sovraindebitamento, previste dalla legge ‘3/2012’ (Legge ‘salva suicidi’)”.

© Protetto da Copyright DMCA

L’atto inoltre chiede di “valutare l’opportunità di costituire un organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento, quale articolazione interna dell’amministrazione regionale”. Infine, con un emendamento sempre a firma Fioroni e Pastorelli, si chiede di “creare la massima sinergia possibile con i professionisti attivi nelle procedure e avviare una interlocuzione con gli ordini professionali, anche valutando l’opportunità di istituire tavoli regionali e definire protocolli comuni”. Illustrando l’atto in Aula, Paola Fioroni ha evidenziato che “il sovraindebitamento è uno dei fenomeni socialmente più attuali e rilevanti che configura l’accumulo di debiti in eccesso rispetto alla capacità di reddito.

La moltitudine di forme sotto la quale si mostra e le cause da cui può derivare lo rendono, ancora oggi, difficilmente identificabile e misurabile. A render ancora più complessa l’analisi, è il fatto che molti soggetti che si trovano a indebitarsi oltre il limite sostenibile tentino di porvi rimedio attraverso pratiche illegali come l’usura o il gioco d’azzardo.

Con la Legge ‘salva suicidi’ è stato allargato l’ambito di applicabilità delle procedure concorsuali ‘tradizionali’ anche a soggetti che ne erano esclusi, quali piccole imprese, professionisti, consumatori, elaborando uno specifico strumento mirato a fronteggiare il problema dell’indebitamento crescente, introducendo un rito, ad impulso volontario del debitore, diretto a comporre una determinata situazione di chi o insolvenza e con effetti esdebitatori.

Lo scorso 8 aprile, con il cosiddetto ‘DL Liquidità’, sono state introdotte alcune importanti novità in materia concorsuale, tra cui il differimento dell’entrata in vigore del ‘Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza’, a settembre 2021. Secondo i dati forniti da Banca d’Italia, tra il 2017 e il 2018, il tasso di indebitamento delle famiglie, in percentuale del reddito disponibile, era del 60 per cento. L’Osservatorio informale dell’Agenzia delle Entrate, nel periodo 2016-2019, ha certificato debiti per 43 milioni di euro in accordi e piani, 45 milioni di euro in liquidazione patrimoniale e 72 milioni di euro in richieste di certificazioni da parte delle OCC (Organismi di Composizione delle Crisi da sovraindebitamento).

In Umbria, il fenomeno del sovraindebitamento ha assunto, negli ultimi anni, proporzioni sempre più rilevanti con ricadute particolarmente negative sia sul benessere del singolo individuo sovraindebitato, sia sulla stabilità del sistema economico e finanziario dell’intera società regionale. Gli effetti prodotti dalla pandemia da Covid 19 hanno prodotto effetti negativi sul tessuto economico regionale, con ripercussioni sull’occupazione e sulle famiglie. Con il cessare delle misure a protezione dei posti di lavoro, le imprese saranno costrette a ridurre o cessare la loro attività con ricadute sui livelli occupazionali.

La conseguente crisi di liquidità che investirà le famiglie dei nuovi disoccupati porterà questi ultimi, inevitabilmente, a non poter onorare regolarmente le proprie obbligazioni, esponendoli al rischio di ricorrere a forme illecite di finanziamento, come l’usura. Nella prassi si riscontra spesso la difficoltà, per il soggetto sovraindebitato, a sostenere le spese iniziali per l’attivazione della procedura prevista dalla legge ‘Salva suicidi’, con il rischio che lo stesso, nell’impossibilità di attivare la procedura di esdebitazione, rimanga esposto ad azioni di recupero forzoso sui beni personali da parte di singoli creditori e finisca ai margini della società”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*