Attacco hacker, Zingaretti, è grave, importante non interrompere attività’

a Regione Lazio ha subito un violentissimo attacco cyber da parte di gruppi criminali internazionali o terroristici

Attacco hacker, Zingaretti, è grave, importante non interrompere attività'

Attacco hacker, Zingaretti, è grave, importante non interrompere attività’

‘Secondo LazioCrea i dati della banca dati della Sanità della nostra Regione sono in sicurezza, rapina dei dati non è andata in porto, impegnati a riattivare i servizi’. “La situazione è molto grave in quanto questi attacchi della cybercrime, già avvenuti in altri angoli del mondo, sono molto invasivi e la soluzione è molto complessa”.

  • Lo ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nel corso della seduta odierna al Consiglio regionale del Lazio. “Di fronte agli attacchi non c’è dubbio che stiamo ricevendo la cosa il segnale più importante da dare è di non interrompere le attività istituzionale dell’Ente”, ha esordito.

“Nella notte tra sabato e domenica – ha spiegato il governatore facendo il punto -, la Regione Lazio ha subito un violentissimo attacco cyber da parte di gruppi criminali internazionali o terroristici – saranno le indagini a stabilire i contorni – che ha inserito un ransomware, ovvero un virus che ha criptato il nostro mondo online e ha bloccato la capacità di erogare la gran parte dei servizi alla comunità”.

“Già dalle prime ore dell’alba di ieri sono state allertate tutte le istituzioni investigative del Paese e tutti i livelli di governance per quanto riguarda la cybersecurity del sistema istituzionale nazionale. La società LazioCrea ci comunica che i dati della banca dati della Sanità della nostra Regione sono in sicurezza, salvati e puliti rispetto all’attacco cyber, così come altri dati. La rapina dei dati non è andata in porto. Siamo quindi in una situazione di impegno per riattivare i servizi della salute in primo luogo. La rete è ferma perché appunto la presenza del virus ne impedisce per motivi ovvi la riattivizzazione del sistema che permetterebbe allo stesso di circolare libero dentro la nostra rete”.

(Sib/Adnkronos)

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*