Piccoli chef a ‘I primi d’Italia junior’ con Gruppo Grifo Agroalimentare

Useranno prodotti alimentari del partenariato Mercato km70.zero di cui la cooperativa è capofila. Laboratori all’auditorium san Domenico di Foligno dal 28 settembre al primo ottobre.

 
Chiama o scrivi in redazione


(Umbriajournal.com) by AviNews FOLIGNO – La cucina non è solo roba da grandi ed è per questo che a Foligno, nell’evento ‘I Primi d’Italia’, ci sarà spazio anche per i bambini. Da giovedì 28 settembre a domenica 1 ottobre il chiostro dell’auditorium san Domenico ospiterà ‘I Primi d’Italia junior’, un’iniziativa ‘formato baby’ per scoprire, tra gioco e didattica, i principi della dieta mediterranea. L’ingresso è libero (con prenotazione obbligatoria) e possono partecipare i bambini di età compresa tra cinque e undici anni.

Il progetto Mercato km70.zero. Nei laboratori i più piccoli potranno giocare, manipolare ingredienti e imparare i fondamenti di una sana e corretta alimentazione grazie anche al sostegno del Gruppo Grifo Agroalimentare, che fornirà i propri prodotti lattiero-caseari accanto a quelli ortofrutticoli dei partner (azienda agraria Il Frutteto e Cooperativa 153 onlus della casa circondariale di Perugia Capanne) del progetto Mercato km70.zero, partenariato pubblico privato di cui la cooperativa umbra è capofila. Voluto dal Comune di Perugia e sostenuto dalla Regione Umbria, il Mercato km70.zero ha l’obiettivo di promuovere e incentivare la vendita di alimenti prodotti entro i 70 chilometri da Perugia.


Il presidente.
“Il Gruppo Grifo Agroalimentare – ha spiegato il presidente Carlo Catanossi – ha a cuore la crescita e lo sviluppo sano delle nuove generazioni. Per questo ci impegniamo quotidianamente, attraverso i nostri soci conferitori di latte, legumi e cereali, a realizzare prodotti genuini utilizzando materie prime del territorio. Con la partecipazione a quest’evento vogliamo ribadire l’importanza dell’alimentarsi con prodotti di qualità fin da bambini e che questa qualità, spesso, non bisogna cercarla tanto lontano perché l’Umbria ha tanto da offrire in termini di agroalimentare”.
Rossana Furfaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*