Copperman, il programmazione al cinema il film girato in Umbria

Copperman, il programmazione al cinema il film girato in Umbria
Abbazia dei santi Felice e Mauro, a Castel San Felice, frazione di Sant’Anatolia di Narco, piana di Castelluccio di Norcia, centro storico di Spoleto, zone limitrofe e in particolare la scuola elementare Le Corone, a San Nicolò, sia l’interno che l’esterno del plesso primario. Questi i luoghi umbri dove è stato girato il film Copperman di Eros Puglielli con protagonista Luca Argentero nel ruolo dell’uomo di rame, chiamato “ritardato” da bambino.

Il film è stato girato la scorsa estate, ad agosto 2018, e le riprese sono andate avanti per sei settimane. Tanto si era parlato in quei giorni del film anche per la scelta delle comparse, dove hanno partecipato 45 bambini, oltre ad uomini di età compresa tra i 35 e i 75 anni.

Il cast, oltre al celebre attore originario di Torino, comprende Galatea Ranzi, Antonia Truppo, Tommaso Ragno e Gianluca Gobbi mentre la regia è stata affidata ad Eros Puglielli. Prodotto da Eliofilm e Rai Cinema

Stupende le immagini dell’Umbria, la Spoleto di notte, il campanile del duomo, la meravigliosa rocca, i vicoli della città, ma anche la zona della Valnerina, tutti luoghi che hanno lasciato senza fiato. Le riprese hanno colorato e trasformato Spoleto con trucchi scenici come quelle nell’oleificio Coricelli dove sono state girate le scene del ribaltamento di un’automobile, quindi utilizzando stunt ed effetti special. I silos per l’occasione sono stati colorati.

La Trama: Copperman ovvero Anselmo, è un uomo che viaggia nel mondo con l’innocenza di un bambino e il cuore di un leone. Abbandonato dal padre, che lui crede un supereroe, Anselmo vive con la madre che a forza di ripetergli quanto sia “speciale”, se ne è convinto anche lui. E proprio come Forrest Gump ha conservato nel tempo una purezza infantile e il candore disarmante di chi non conosce la diffidenza.

Il suo grande amore è Titti conosciuta a scuola alle 10,34 minuti e 12 secondi di un giorno speciale e poi inghiottita da un’assenza troppo lunga. E poi c’è Silvano, il fabbro del paese, arrivato non si sa da dove, suo padre putativo e mentore. Uno che ha poche parole e una pistola. E che è diventato suo amico dalle 11 e 47 minuti del 12 aprile 1991. Grazie a lui, Anselmo diventa Copperman.

Copperman è in programmazione nelle sale perugine. Al Cinema Méliès fino al 13 febbraio 2019 con spettacoli alle 18,30 e 21,30.

L’agenda degli appuntamenti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*