Partecipate, SASE è grata alla Regione e alla Presidente Donatella Tesei

Partecipate, SASE è grata alla Regione e alla Presidente Donatella Tesei

Partecipate, SASE è grata alla Regione e alla Presidente Donatella Tesei

La Presidente Tesei ha relazionato la Giunta Regionale, nella seduta di oggi, in merito allo stato di salute del sistema delle partecipate regionali che oggi ingloba 16 realtà (Puntozero Scarl, Parco 3A Scarl, Sviluppumbria Spa, Umbria TPL e mobilità Spa, Gepafin Spa, Sase Spa, Umbriafiere Spa, Arpa, Arpal, Aur, Afor, Ater, Umbraflor, Consorzio Scuola umbra amministrazione pubblica, Fondazione Umbria Jazz, Fondazione per la Prevenzione dell’Usura)  con circa 200 milioni di volumi di affari diretti complessivi, 1.792 dipendenti e, soprattutto, rappresentano un universo di servizi a cittadini ed imprese per conto della Regione.

Il Presidente di SASE SpA, Stefano Panato, ha commentato: “SASE è grata alla Regione e alla Presidente Donatella Tesei per aver dato all’aeroporto la possibilità di ripartire e di attuare un piano industriale ambizioso e sfidante, grazie alla legge regionale approvata lo scorso anno. I risultati sono arrivati e hanno superato ogni più rosea aspettativa, premiando tutti per il coraggio e per l’aver creduto nell’aeroporto quale volano di sviluppo del territorio.

SASE sottolinea che il 2022 ha visto una programmazione di 16 destinazioni, con oltre 80 voli di linea settimanali operati da otto compagnie aeree. Questo ha permesso di superare ogni record di traffico passeggeri mai registrato prima dallo scalo, con una stagione estiva che ha collocato il “San Francesco d’Assisi” al primo posto in Europa per crescita. L’anno solare  si chiuderà con oltre 350mila passeggeri transitati ed un contributo al PIL regionale quantificabile nell’ordine dei 200 milioni. SASE continuerà a lavorare con determinazione ed entusiasmo per dare compimento al piano industriale e arrivare a sfruttare appieno la potenzialità dell’Aeroporto che è nell’ordine dei 500.000 passeggeri annui”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*