Indagine Excelsior, Camera Commercio, migliora mercato umbro

Ad un anno dallo scoppio della pandemia, si registra  un sensibile miglioramento

 
Chiama o scrivi in redazione


Indagine Excelsior, Camera Commercio, migliora mercato umbro

Indagine Excelsior, Camera Commercio, migliora mercato umbro

di Egidio Urbanella, Camera di commercio
La Camera di Commercio dell’Umbria ha presentato i risultati dell’indagine Excelsior sui programmi occupazionali delle imprese della Regione, per il corrente mese di marzo 2021 e per il trimestre marzo – maggio 2021.  A un anno dallo scoppio della pandemia, si registra  un sensibile miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro in Umbria.

  • In questo mese di marzo,  dal sistema delle imprese umbre (con almeno un dipendente) sale una domanda di lavoro quantificabile in 3.570 unità, che diventano 11.660 nel trimestre marzo – maggio 2021. 
© Protetto da Copyright DMCA

Foto di Lorenzo Cafaro da Pixabay

“Il confronto con il mese di marzo di un anno fa,  quando fu adottato il primo durissimo lockdown – evidenzia il Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria Giorgio Mencaroni–  indica un forte miglioramento,  dell’ordine di un + 19,3%. Una iniezione di fiducia per migliaia di lavoratori umbri e per le imprese, purtroppo subito mitigata dalla costatazione di quanto distanti siamo rispetto alla media nazionale: – 6,1%.In più,  se il confronto si sposta su marzo del 2019, quando ancora il Covid non sapevamo cosa fosse,  il dato diventa  impietoso: – 23,7%, un quarto delle entrate al lavoro tagliato. Un arretramento che dobbiamo fermare a tutti i costi, rimettendo le imprese,  dopo due anni e più, nella condizione di tornare a creare nuovo lavoro”.

In Umbria, 3.570 entrate al lavoro programmate dalle imprese umbre con più di un dipendente, nel corrente mese di marzo.

Nel 30% dei casi si tratta di posti di lavoro stabili,  ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre il 70% sarà lavoro a termine,  a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita. Sul trimestre marzo – maggio 2021 la domanda di lavoro si rinforza e sale a 11.660 unità.
Rispetto a un anno fa,  tempo del lokdown più duro, il miglioramento è sensibile: + 19,3%, ma siamo lontani di oltre 6 punti da una media nazionale che avanza del 25,4% Se il confronto si sposta su marzo del 2019, quando ancora il Covid non sapevamo cosa fosse,  il dato,  ovviamente,  diventa impietoso: – 23,7%, un quarto della domanda di lavoro bruciato

Delle 3.507 opportunità di lavoro messe sul mercato in Umbria, nel 30% dei casi saranno stabili, ossia con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre per il 70% sarà a termine,  a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita.

Le entrate previste si concentreranno per il 69% nelle pmi con meno di 50 dipendenti e per il 51% nel Settore dei Servizi.

  •  Il 19% delle entrate al lavoro previste a marzo ’21 sarà destinato a Dirigenti, Specialisti e Tecnici (quota inferiore a una media nazionale del 22%), mentre il 14% sarà destinato a Personale Laureato. 

Risale, ma con lentezza, la quota di lavoro destinata ai giovani con meno di 30 anni di età: a marzo e nel trimestre marzo – maggio 21 siamo al 27%, 4 punti in rispetto al primo mese dell’anno 2021.

 Mismatching tra domanda e offerta di lavoro, resta ancora su posizioni alte: in 38 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a individuare i profili professionali desiderati.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*