Confindustria Sezione Eugubino-Gualdese: Matteo Minelli presidente

Confindustria Sezione Eugubino-Gualdese: Matteo Minelli presidente

Confindustria Sezione Eugubino-Gualdese: Matteo Minelli presidente. Infrastrutture, credito e efficienza della pubblica amministrazione i temi del confronto durante l’assemblea pubblica

Superare l’isolamento infrastrutturale, rilanciare il territorio eugubino gualdese e aprire un confronto sugli strumenti finanziari più idonei per l’accompagnamento alla crescita. Sono queste le linee programmatiche su cui si muoverà la Sezione Eugubino-Gualdese di Confindustria Umbria che ha rinnovato alla presidenza Matteo Minelli amministratore delegato di Ecosuntek, eletto alla vice presidenza Cristina Colaiacovo di Colacem e nominato il consiglio direttivo.

L’assemblea si è riunita a Gualdo Tadino alla Icom ospitata dal past president Silvio Pascolini.

“Da troppo tempo – ha sottolineato Minelli – un isolamento dal punto di vista delle infrastrutture materiali e immateriali penalizza il nostro territorio rendendolo meno competitivo nonostante ricco di imprese strutturate e promettenti. Su alcuni fronti, come quello del ristringimento dell’area dell’Accordo Merloni alla sola fascia appenninica, occorre tornare a fare quadrato elaborando una visione condivisa e una strategia che accomuni enti, istituzioni e imprese con l’obiettivo di salvaguardare la nostra economia ed evitare lo spopolamento sociale ed economico. Per questo chiediamo alle istituzioni locali di coinvolgerci nelle scelte di indirizzo strategico”.

Per affrontare questi temi sono stati ospiti della parte pubblica dell’assemblea i Sindaci di Fossato di Vico Monia Ferracchiato, di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti e di Gubbio Filippo Stirati. Ha concluso i lavori il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni.

Il sindaco Ferracchiato ha invitato gli imprenditori a sottoporle in modo organico le necessità così da farle valere al momento opportuno e all’interlocutore appropriato. Il sindaco di Gualdo Presciutti ha ricordato come sia impossibile affrontare la complessità delle sfide attuali con strumenti e modi di pensare superati. “Non ci sono risposte facili a problemi complessi – ha detto – Ma questo è un territorio che, nonostante le difficoltà, ha trovato il coraggio di rafforzare alcuni settori e di essere pioniere in altri. Noi abbiamo cercato, su temi di nostra diretta competenza, di dare risposte alle esigenze del mondo produttivo. Siamo consapevoli che occorra un’alleanza tra il mondo delle imprese e le istituzioni per avere strumenti adeguati e risultati in tempi congrui”.

LEGGI ANCHE: Intesa  Umbria, Polizia Postale Terni rischia collasso

La necessità di sviluppare un sistema di relazioni che consenta una connessione più stretta è stata evidenziata anche dal sindaco di Gubbio Stirati. “Ci sono occasioni importanti da cogliere – ha aggiunto – Siamo consapevoli e spesso noi stessi vittime di un sistema che allunga i tempi di realizzazione dei progetti i cui esiti si vedono solo sulla lunga distanza. Certamente sui temi sollevati dal presidente Minelli attiveremo un percorso di confronto al più presto per fare massa critica anche nei confronti degli altri livelli istituzionali”.

L’assemblea è stata chiusa dal presidente di Confindustria Antonio Alunni che ha ricordato come il territorio dell’eugubino-gualdese sia un territorio in cui si trovano imprese che hanno resistito e che dimostrano di aver voglia di crescere. “Ed è per questo – ha concluso che dobbiamo avere accanto le istituzioni a tutti i livelli. Porteremo le nostre istanze con spirito collaborativo. Sono tanti i temi su cui discutere e lavorare insieme confrontandoci in modo profondo per il bene del territorio e della comunità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*