Al via “Green Table”, un progetto culturale di respiro annuale

Al via “Green Table”, un progetto culturale di respiro annuale

Al via “Green Table”, un progetto culturale di respiro annuale

Da mercoledì 20 a sabato 23 ottobre, Perugia ospiterà la I^ edizione di Green Table, Forum Internazionale su architettura e design per il futuro. La manifestazione chiamerà a raccolta personalità di primo piano del mondo della cultura del progetto, della scienza, della filosofia e dell’economia per dialogare attorno al ruolo del design nella ricerca di una relazione armonica tra genere umano e mondo naturale.

Green Table è una community, un’originale piattaforma collaborativa (fisica e digitale), un forum permanente, attraverso cui esperti, istituzioni, imprese e cittadini potranno confrontarsi, promuovere idee, progetti e soluzioni concrete per rispondere alle grandi sfide della difesa del pianeta e del benessere delle comunità.

L’iniziativa nasce e si sviluppa a partire dai comuni valori espressi dall’Istituto Nazionale di Architettura e dall’Associazione per il Disegno industriale, che hanno dato avvio ad una partnership per favorire e stimolare un cambiamento di paradigma culturale e l’adozione di comportamenti individuali e collettivi tesi ad una crescita economica e sociale più equa e sostenibile.

“Green Table nasce dalla volontà di re-agire a processi di cambiamento che interessano l’ambiente, l’economia e la società che erano già in atto, ma che la pandemia ha bruscamente accelerato, segnando un confine tra epoche. Ci troviamo davanti ad una crisi sanitaria, economica e sociale i cui effetti inattesi obbligano chi si occupa di cultura del progetto ad assumersi una chiara responsabilità nel contribuire al suo governo, rispondendo in maniera etica ai nuovi bisogni anche alla luce del crescere delle disuguaglianze – così Andrea Margaritelli – Presidente di In/Arch – Istituto Nazionale di Architettura e co-ideatore insieme a Carlo Timio dell’iniziativa, che prosegue – Riportare al centro di una visione di sviluppo “integrale” le persone e la qualità della vita, lo spazio pubblico, il rapporto con l’ambiente, la prossimità dei servizi, la mobilità e l’interconnessione, fisica e digitale è un atto necessario per restituire un significato più profondo alla parola Umanità”.

 

Per Luciano Galimberti – Presidente di ADI – Associazione per il Disegno industriale – “La capacità di immaginare il futuro facendosi carico delle istanze espresse dal presente è l’essenza del design. Se poi la tematica è quella della difesa dell’ambiente e della qualità di vita dell’uomo, il design può e deve offrire soluzioni concrete per creare nuovi scenari ed equilibri virtuosi. Per questo motivo ADI ha accolto con grande entusiasmo la partecipazione al progetto Green Table: un’occasione importante di confronto e crescita per gettare le basi di un futuro più etico e rispettoso del pianeta e della vita dell’uomo.”

 

Il primo appuntamento a Perugia, organizzato in modalità phygital – un bilanciato mix tra momenti di interazione fisica e digitale- si caratterizza per la dimensione del confronto e per il respiro internazionale che pone l’Umbria e il suo capoluogo ancora una volta al centro del dibattito globale sui temi della sostenibilità, anche alla luce del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Green Table rappresenta un’occasione per proseguire il percorso di riflessione e di ricerca sulle proposte e sulle strategie da mettere in campo”- sostiene Francesco Miceli – Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti Sostenibilità, valorizzazione dellambiente e futuro delle città e dei territori – nellottica di nuove e migliori condizioni di vita dei cittadini e delle comunità – sono alcuni dei temi sui quali è impegnato il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. Sono problematiche cruciali, indispensabili da affrontare se davvero si vuole dare attuazione a quella transizione ecologica, chiave di volta nella costruzione del nostro futuro.

Il programma, ospitato nel rinnovato Auditorium di San Francesco al Prato, prevede oltre venti incontri che vertono su questioni di stringente attualità, suddivise in quattro aree tematiche: design, all’architettura, urbanistica e pianificazione.

Tra gli ospiti progettisti quali Michele De Lucchi, Patricia Urquiola, Stefano Boeri, Mario Cucinella, Benedetta Tagliabue, Cino Zucchi, Aldo Cibic, Patricia Viel, Walter De Silva, Matteo Thun, Daria De Seta, Dante Oscar Benini, Alessandro Melis, Guendalina Salimei, Alessandra Battisti, Ico Migliore, Mara Servetto, Monica Alejandra Mellace, Filippo Lodi, Massimo Pica Ciamarra, Luca Zevi, scienziati quali Stefano Mancuso e Cinzia Chiriacò, filosofi come Maurizio Ferraris e Aldo Colonetti, insieme ad altri importanti protagonisti del mondo della cultura, informazione ed economia, nel rispetto della policy sull’equilibrio di genere per gli eventi promossa dall’ In/Arch.

 

I singoli panel verranno trasmessi in live-streaming da Perugia e in differita (HUB360°) da diverse metropoli internazionali – quali Milano, Amsterdam, Barcellona, Monaco di Baviera e Shanghai – rappresentative di distretti produttivi e culturali tra i più attivi attorno ai temi della sostenibilità.

 

La giornata di apertura del Forum – prevista mercoledì 20 alle 17.30 – si concluderà con il suggestivo spettacolo “Botanica”, realizzato dal collettivo Deproducers con lo scienziato Stefano Mancuso. Un calendario di appuntamenti artistico-culturali ispirati ai valori e ai temi promossi da Green Table arricchirà tutte le serate della manifestazione a partire dalle ore 21.00.

 

Green Table si condensa in quattro giornate, ma abbraccia un anno intero e da Perugia prosegue il suo viaggio, allargando la propria community e arricchendosi di nuovi contributi per ritrovarsi ancora in Umbria nel 2022.

 

 

Il format, la piattaforma e l’identità visiva

 

Il format Green Table chiama i relatori a confrontarsi attorno a un tavolo tondo capace di viaggiare – firmato da Michele De Lucchi – al centro del quale è posizionata una speciale videocamera che effettua riprese stereoscopiche a 360 gradi, offrendo un punto di vista inaspettato.

 

La piattaforma cross-mediale sviluppata da Wyth, accessibile ovunque via web, consente agli utenti di fruire dei contenuti degli incontri in qualunque momento e in ogni parte del mondo, di intraprendere azioni di networking, attivare riunioni, avvicinarsi ai diversi partner della manifestazione, istituzioni e operatori economici.

 

L’identità visiva del progetto – curata da Bcpt Associati – restituisce con efficacia il senso dell’iniziativa e gli elementi che la caratterizzano. “Se è vero che i Green Table sono nati come ‘azione’ che design e architettura possono mettere in campo per prefigurare cambiamenti per l’uomo e il pianeta, allora abbiamo voluto che il marchio e l’identità visiva di questo progetto fosse fortemente centrata sul valore simbolico del tavolo – così Marco Tortoioli Ricci, design director dello studio perugino – Un segno archetipico, circolare, colorato da un gradient di verdi di gamma diversa. Nella versione dinamica le campiture appaiono in continuo movimento per ricordarci che il tavolo è un organismo vivente. Questo completato da una lettera T lineare, essenziale, associata al tondo ci ricorda il saluto di un uomo aumentato, non più destinato a fuggire dal proprio futuro sbagliato, ma, come direbbe Stefano Mancuso, che abbiamo incontrato da poco, capace di crescere come un albero.”

 

 

I Patrocini

Il Forum ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Cultura e del Ministero della Transizione ecologica e della Camera di Commercio dell’Umbria.

 

Il partenariato

 

Il Forum, promosso da Fondazione Guglielmo Giordano e Media Eventi, in partnership con In/Arch, ADI con il supporto del CNAPPC, conta su una preziosa rete di collaborazioni istituzionali e importanti main partner privati dall’anima autenticamente verde.

 

Sono partner istituzionali: Regione Umbria, Comune di Perugia, e Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia; main partner: Aboca, Listone Giordano, Paghera e Rubner; partner tecnologico: Wyth, con la sua innovativa piattaforma digitale.

Le Istituzioni culturali che sostengono l’iniziativa sono: Università degli Studi di Perugia, Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, Accademia di Belle Arti “P. Vannucci” di Perugia e PEFC Italia.

 

Prossimo appuntamento digitale: lunedì 11 ottobre alle ore 11 sulla piattaforma Wyth per la presentazione del programma definitivo della manifestazione.

 

Info e aggiornamenti su: https://greentable.it

email: segreteria@greentable.it

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*