Violento temporale e tromba d’aria in Altotevere, crollo a Trestina

 
Chiama o scrivi in redazione


Violento temporale e tromba d'aria in Altotevere, crollo a Trestina

Violento temporale e tromba d’aria in Altotevere, crollo a Trestina

Violento temporale e una tromba d’aria ha colpito l’Umbria in particolare la zona del Trasimeno nord occidentale per poi spostarsi verso l’Altotevere meridionale e nord perugino, determinando la caduta di alberi e danni in alcuni edifici. Diverse le chiamate dei vigili del fuoco alla sala operativa della centrale di Perugia Madonna Alta. E’ crollata una porzione del palazzetto dello sport di Trestina.

L’amministrazione comunale di Città di Castello è immediatamente intervenuta con i propri tecnici. Il forte vento che si è abbattuto sul palazzetto dello sport ha provocato il distacco di parte del rivestimento laterale costituito da pannelli prefabbricati e ha creato un’ampia fenditura. L’amministrazione comunale ha subito programmato un intervento urgente di messa in sicurezza dell’edificio, con l’obiettivo di accelerare il più possibile i tempi di riparazione della struttura.

A questo scopo sarà verificata la possibilità di affidare i lavori di ripristino della parete crollata all’impresa già incaricata di eseguire le opere di efficientamento energetico e manutenzione per 100 mila euro previste sull’edificio. Il cantiere che doveva essere aperto in questi giorni per la riqualificazione dell’impianto non è ancora partito e sarà quindi valutata l’opportunità di ricorrere agli strumenti del Codice degli appalti per integrare i lavori già programmati secondo le nuove esigenze che si sono determinate.

Il centro funzionale delle protezione civile aveva emesso un bollettino di criticità ordinaria che prevedeva temporali nella regione Umbria. La perturbazione atlantica farà scendere anche la colonnina di mercurio per tre giorni: da martedì a giovedì, infatti, le temperature massime sono previste al di sotto dei 30 gradi, ma a scendere saranno anche le minime, che potranno raggiungere anche i 15 gradi.

CRITICITÀ ORDINARIE: 
Rischio temporali

Localizzati danni ad infrastrutture, edifici e attività antropiche interessati da frane, da colate rapide o dallo scorrimento superficiale delle acque. Localizzati allagamenti di locali interrati e talvolta di quelli posti a pian terreno prospicienti a vie potenzialmente interessate da deflussi idrici. Localizzate e temporanee interruzioni della viabilità in prossimità di piccoli impluvi, canali, zone depresse (sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali, ecc.) e a valle di porzioni di versante interessate da fenomeni franosi. Localizzati danni alle coperture e alle strutture provvisorie con trasporto di tegole a causa di forti raffiche di vento o possibili trombe d’aria. Rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature con conseguenti effetti sulla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione servizi. Danni alle colture agricole, alle copertura di edifici e agli automezzi a causa di grandinate. Localizzate interruzione dei servizi, innesco di incendi e lesioni da fulminazione. Occasionale ferimento di persone e perdite incidentali di vite umane.

“Dall’ultima animazione satellitare – spiega Umbria Meteo –  si nota chiaramente sia la linea di sviluppo dei cumulonembi temporaleschi che sta colpendo l’Altotevere, sia l’aria più secca in quota in arrivo da ovest, ora sopra la Corsica ma in movimento verso la Toscana. Appena l’aria secca arriverà sull’Umbria cesseranno i temporali, che torneranno quando dalla prossima notte affluirà invece, da nord ovest, di nuovo aria umida in quota”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*