Viadotto Morandi crollato a Genova, anche dall’Umbria Vigili del Fuoco per soccorsi

Viadotto Morandi crollato a Genova, anche dall’Umbria Vigili del Fuoco per soccorsi. I Vigili del Fuoco dell’Umbria sono partiti per Genova, in seguito al crollo del viadotto Morandi sulla A10. Dall’Umbria  – fa sapere l’ingegner Maurizio Fattorini – sono partiti 4 unità cinofile sia da Perugia, sia da Terni (4 conduttori e 4 cani), per dare il cambio alle altre unità cinofile vigili del fuoco che già stanno operando a Genova.

Kreole e Apo, condotti rispettivamente dai Caposquadra Massimo Mancinelli e Fabrizio Caira, fanno parte di Perugia ed hanno già partecipato alle ricerche nel terremoto del 2016. Gli altri due cinofili fanno parte del comando di Terni e sono i caposquadra Stefano Albergotti e Andrea Guiso con cani Derby e Jana

Sul posto sono già presenti 200 uomini impegnati al momento nelle operazioni. Le squadre dei Vigili del Fuoco stanno ”operando in massa”. ”Sono state attivate – twittano i Vigili del Fuoco – le squadre Usar e le unità cinofile e soccorritori acquatici.”, specializzati nella ricerca di persone sotto le macerie. Una decina di uomini della sezione operativa dei vigili del fuoco di Torino, con l’ausilio dell’elicottero e della squadra cinofili dei pompieri, sono sul posto. Una colonna mobile anche da Alessandria. Allertata anche la polizia stradale, in particolare la Sottosezione di Belforte Monferrato, che ha competenza sul tratto ligure della A26 Genova-Gravellona Toce.

>>> GUARDA I VIDEO QUI <<<

Le vittime accertate sono 20, ma da quanto sta emergendo finora saranno di più, sensibilmente di più”. Lo ha detto il governatore ligure, Giovanni Toti, nel punto stampa in protezione civile a Genova. “Da Sestri Levante a Savona e’ scattato il piano Pemaf, il piano emergenze ospedaliere. Non abbiamo bisogno di plasma al momento”, ha aggiunto Toti che ha fatto sapere che la
macchina dell’ emergenza e’ tutta al lavoro: “Non si puo’ intervenire ancora con mezzi pesanti perche’ si rischierebbe di compromettere ulteriormente la zona del disastro”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*