Tamponamento sul Raccordo Perugia Bettolle a Piscille quattro le auto, sembra non ci siano feriti

Su due, delle vetture coinvolte, c'erano due bambini. Nessun ferito grave

Tamponamento sul Raccordo Perugia Bettolle a Piscille quattro le auto, sembra non ci siano feriti

Terrificante tamponamento sul raccordo Perugia Bettolle, quattro le auto coinvolte, e, da quanto riferisce la Polstrada di Perugia, non ci sarebbero feriti. L’incidente, che si è verificato attorno alle 9,30 di questa mattina, ha coinvolto una Nissan Qashqai, una 500X, una VW Golf e una Operl Mokka. 

Il tamponamento è avvenuto mentre le vetture si trovavano sulla corsia di sorpasso in direzione Lago Trasimeno. “Sul posto – riferiscono alla centrale della Polizia stradale di Perugia – è stata fatta arrivare una pattuglia della Polstrada di Castiglione del Lago, già impegnata sul territorio”.

Da quello che si evince dalla osservazione della fotografia

Da quello che si evince dalla osservazione della fotografia, sembra che il suv della Nissan sia stato tamponato dalla 500X, ma non si capisce se la Suv della Fca sia finita addosso a quella giapponese perché spinta dalla Golf, L’auto tedesca, come si vede, è addirittura finita sotto la suv rossa e su tutti anche l’altra vettura nera. Dinamica complessa, ma che ripropone con forza la pericolosità di quel tratto di strada. Incidenti stradali, anche mortali purtroppo, sono frequentissimi.

Traffico, come si può ben capire, bloccato e Umbria, al solito, divisa in due. Immediato anche l’intervento dei Vigili del fuoco del Comando di Madonna Alta di Perugia.

Sul posto, fanno sapere i Vigili del fuoco di Perugia, è arrivata la seconda partenza della centrale. Su due auto c’erano due bambini. Fortunatamente, confermano i Vigili del fuoco, nessun ferito grave. Strada chiusa e traffico bloccato Sul posto anche 118 e 113.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 Commenti

  1. ahahahahaahahahahahahahahahah che casinoooooooooooooooooo, mi raccomando continuate a giocare con l’iphone di merda mentre guidate, poi non piangete, capre!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*