Studente cerca di investire carabiniere e picchia i militari, aveva droga con sé

Una volta fermato,lo studente ha reagito violentemente inveendo contro i militari

 
Chiama o scrivi in redazione


Studente cerca di investire carabiniere e picchia i militari, aveva droga con sé

Studente cerca di investire carabiniere e picchia i militari, aveva droga con sé

Nella tarda serata della vigilia di Natale i Carabinieri della Compagnia di Todi, nel corso di servizi preventivi disposti dal Comando Provinciale di Perugia in occasione delle festività natalizie e di fine anno, hanno arrestato uno studente ventisettenne residente nella provincia di Viterbo, trovato in possesso di circa 25 grammi di cocaina e di sostanza da taglio.

Le analisi di laboratorio hanno determinato che lo stupefacente, per quantità e principio attivo, era sufficiente per il confezionamento di circa 70  dosi, dal cui spaccio l’arrestato avrebbe potuto ricavare la somma di oltre €. 5.000.

Il giovane, incappato in un posto di controllo nella frazione Ponterio nel tentativo di darsi alla fuga, ha dapprima cercato di investire i militari che gli avevano intimato l’alt, quindi ha tamponato l’autovettura che lo precedeva, condotta da un  agricoltore sessantenne del posto, che non ha riportato danni fisici.

Una volta fermato,lo studente ha reagito violentemente inveendo contro i militari; nel tentativo di disfarsi dello stupefacente haanche ingaggiato una colluttazione con i due Carabinieri, poi costretti a ricorrere alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale “Media Valle del Tevere” di Todi per le escoriazioni e le contusioni subite, giudicate per entrambi guaribili in otto giorni.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Spoleto il giovane è stato quindi tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente e resistenza a P.U.

Nella mattinata odierna è comparso davanti al Tribunale di Spoleto che ha convalidato l’arresto e lo ha condannato ad un anno e 7 mesi di reclusione, rimettendolo in libertà a seguito di patteggiamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*