Sta meglio la bimba ustionata, continua la gara di solidarietà per lei

 
Chiama o scrivi in redazione


Sta meglio la bimba ustionata, continua la gara di solidarietà per lei

Sta meglio la bimba ustionata, continua la gara di solidarietà per lei

«Sta meglio la piccola O…», la bellissima bimba di origini albanesi, ricoverata dallo scorso 9 dicembre, al Bambino Gesù di Roma a causa di ustioni gravissime, in seguito all’incendio avvenuto in una palazzina, alla periferia di Perugia.

© Protetto da Copyright DMCA

A darne comunicazione è Antonio Lusi dell’Associazione Mirò autore della gara di solidarietà partita per la aiutare la famiglia della bambina, ad affrontare la situazione.

«Abbiamo raggiunto al momento la cifra di euro 850. Grazie di cuore». Fa sapere Lusi che su Facebook scrive un lungo post:

«Detesto le video chiamate che evito come la peste, ma ieri ne ho ricevuta una che dire emozionante è dire poco. E’ stata la piccola O…. a video chiamare (attraverso la mamma si intende). Vederla non più stesa a letto completamente intubata, riuscire persino a parlarci e a farla sorridere, è stata una di quelle emozioni difficilmente spiegabili. La forza, la positività e l’attaccamento alla vita di questa splendida bambina, sta facendo veramente la differenza in questo lungo percorso riabilitativo in seguito all’incidente di un mese fa».

E poi continua: «Non vi nascondo che la situazione era veramente seria e molto incerta, ho temuto veramente il peggio, ma fortunatamente grazie anche ad una equipe di medici straordinari, questo peggio sembra essere passato. C’è ancora molto fare è inutile negarlo, ci vorrà del tempo, ma ora si può guardare al futuro con un pizzico di positività in più. Ringrazio tutte le persone che ci hanno dato una mano, attraverso il loro contributo, ma oggi più che mai vi chiedo di chiedo di continuare a sostenere O….. attraverso le iniziative che mano a mano si susseguiranno.

E infine: «Estratto conto alla mano, entro la giornata, tutto coloro i quali hanno contribuito, avranno un dettaglio di quanto raccolto e destinato. Grazie».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*