Spray al peperoncino al Pieralli, una coppia di fidanzati confessa: «Siamo stati noi»

Spray al peperoncino al Pieralli, una coppia di fidanzati confessa: «Siamo stati noi»

Spray al peperoncino al Pieralli, una coppia di fidanzati confessa: «Siamo stati noi»

Hanno confessato il gesto direttamente nell’ufficio della preside Simona Zoncheddu gli studenti che lunedì mattina hanno spruzzto spray al peperoncino nei corridoi del Liceo Pieralli. Lo riporta oggi il Messaggero Umbria. Si tratta di un ragazzo e una ragazza fidanzati ed entrambi maggiorenni. Alle 11.45 di martedì si sono così presentati all’ufficio della dirigente scolastica confessando, ammettendo le proprie responsabilità e per chiedere scusa.

«Siamo stati noi – hanno ammesso i due che frequentano l’istituto – ma non immaginavamo che quello che abbiamo fatto potesse essere così grave e provocare quel tipo di conseguenze. Volevamo solo provare a spruzzarlo. Per questo vogliamo chiedere scusa alla scuola e ai nostri compagni che sono stati intossicati».

Secondo quanto emerso anche dalle indagini dei carabinieri, la ragazza avrebbe detto di essersi procurata lo spray prendendolo dalla tasca della sorella maggiore e ha poi provato a spruzzarlo con il fidanzato sul corridoio.

Dal punto di vista disciplinare a decidere sarà ora il Consiglio di disciplina che stabilisce le sanzioni in base alla gravità del gesto. I due studenti, dopo la riunione del Consiglio saranno ascoltati, ma il rischio minimo per loro è la sospensione fino a 15 giorni. Lo Statuto prevede «pene» più severe fino all’esclusione dallo scrutinio finale.

Lo spray spruzzato aveva provocato fastidi respiratori agli occhi a vari studenti, nove in tutto, finiti in ospedale. Nella giornata di ieri l’azienda ospedaliera aveva reso noto che l’ultima dei nove studenti ancora ricoverata è stata dimessa in mattinata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
26 ⁄ 13 =