Sindrome del bambino scosso, neonato con lesioni alla testa, indagato padre

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanità, primario di Otorinolaringoiatria sarebbe indagato
Ospedale Perugia

Sindrome del bambino scosso, neonato con lesioni alla testa, indagato padre

Un bimbo di appena un mese in ospedale con lesioni ipossiche ischemiche e emorragiche alla testa e nessun segno esterno che possa giustificare quella compromissione. Lo riporta oggi la Nazione Umbria, riferendosi a un caso accaduto ad Assisi l’11 novembre scorso quando, in seguito ad un malessere del piccolo, genitori lo portano in ospedale, al Santa Maria della Misericordia. Sembra che il padre lo abbia scosso, forse vedendo che il piccolo non respirava bene, come aveva visto fare alla moglie.

In ospedale – scrive la Nazione – scatta l’incubo che si tratti di un caso di “shaking“. La “sindrome del bambino scosso“ che rappresenta la prima causa di maltrattamento nei bambini piccolissimi, spesso neonati. Ma che può essere commessa anche involontariamente dai genitori.

Il Santa Maria della Misericordia avverte la magistratura. La Sezione di polizia giudiziaria acquisisce le dichiarazioni di padre, madre del neonato e di altri testimoni. Il pubblico ministero Massimo Casucci, nell’ambito dell’indagine a carico del padre del bambino, accusato di lesioni personali colpose aggravate, ha incaricato la maggior esperta italiana, la professoressa Anna Aprile, di svolgere una consulenza tecnica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*