Scatena l’inferno a Fontivegge, picchia cliente bar e agenti di Polizia

la colpa dell'avventore era quella di prendere caffè senza mascherina...assurdo!

 
Chiama o scrivi in redazione


Scatena l'inferno a Fontivegge, picchia cliente bar e agenti di Polizia

Scatena l’inferno a Fontivegge, picchia cliente bar e agenti di Polizia

Nel tardo pomeriggio di ieri personale della Squadra volante, durante un controllo nell’area circostante la stazione ferroviaria di Perugia Fontivegge,  ha ricevuto richiesta di aiuto di un ferroviere in quanto all’interno del bar della stazione si stava consumando una aggressione verbale e fisica nei confronti di un addetto alle pulizie intento a prendere un caffè al bancone.

Una volta arrivati al bar gli agenti hanno visto l’operatore che cercava di evitare le testate che venivano portate da un cittadino extracomunitario, identificato poi come un ivoriano di 22 anni.

  • Motivo dell’aggressione che ha mandato su tutte le furie l’extracomunitario è stato il mancato uso della mascherina da parte della vittima, durante la consumazione del proprio caffè.

La povera vittima, con fare calmo ma impaurito, è stata fatta bersaglio degli attacchi verbali e fisici dell’uomo che, per altro, era ubriaco fradicio. Gli agenti delle Volanti sono intervenuti e han messo in sicurezza l’operatore ecologico e neutralizzato la vittima. Ma non è stato facile, in quanto l’ivoriano, appena visti gli agenti, ha dato ancora di più in escandescenze e si è scagliato contro di loro con una violenza inaudita, urla, cazzotti e calci. Alla fine, però, gli agenti sono riusciti a caricarlo in auto e ad arrestarlo.

Ma non basta ancora, la sua violenza è riesplosa in Questura dove ha fatto di tutto per rendere difficili le procedure di identificazione, controllo e di foto segnalamento.

L’uomo, regolare sul Territorio Nazionale, con precedenti di polizia relativi a rissa, lesioni personali e detenzione e spaccio di stupefacenti, – anche a causa della propria condotta violenta reiterata nel tempo – è stato arrestato per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni finalizzate alla resistenza e danneggiamento aggravato.

Questa mattina è stato processato e condannato ad un anno di reclusione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*