Rapinano con il taser una Suzuki nel parcheggio del Borgonovo, la polizia li arresta

 
Chiama o scrivi in redazione


Si taglia con scatoletta di tonno, ma dice di essere stato aggredito

Rapinano con il taser una Suzuki nel parcheggio del Borgonovo, la polizia li arresta. A tarda sera, in un parcheggio esterno del centro commerciale “Borgonovo”, due uomini, con il favore dell’oscurità, si avvicinavano a una vettura con a bordo due ragazze. All’improvviso i due uomini, mediante l’utilizzo di un taser, minacciavano le due donne di consegnare la loro autovettura, con la quale, una volta consumata la rapina, fuggivano.

Le due donne in stato di shock chiamavano la Polizia descrivendo con precisione gli autori della rapina e le modalità del reato predatorio. Poco tempo dopo la vettura oggetto della rapina veniva rinvenuta completamente bruciata, forse perché impiegata per la commissione di altri gravi crimini. Il fatto aveva destato particolare preoccupazione e allarme, soprattutto per gli avventori dei vari esercizi presenti presso il centro “Borgonovo”.

Da subito, gli investigatori della Sezione Antirapina della Squadra Mobile della Questura di Perugia, avviavano un’articolata attività d’indagine rivolgendo la propria attenzione verso due soggetti, già interessati dagli accertamenti riguardanti altre rapine commesse sul territorio. Da una serie di riscontri incrociati si poneva l’attenzione su di un cittadino italiano 28enne e un cittadino francese 29enne, quest’ultimo con precedenti specifici.

Infatti, gli accertamenti esperiti dalla Squadra Mobile trovavano conferma nel fatto che i due rapinatori erano già stati recentemente colpiti da provvedimenti restrittivi che ne avevano comportato l’associazione presso la Casa Circondariale per una serie di reati analoghi. A coronamento delle attività della Squadra Mobile, il GIP presso il Tribunale di Perugia disponeva un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei due rapinatori già associati alla Casa Circondariale. (Dalla Questura di Perugia)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*