Paura furti in abitazione, colpi d’arma da fuoco anche a Monte Malbe

 
Chiama o scrivi in redazione


Sicurezza, Salvini, in arrivo altri 124 milioni per le Forze dell'Ordine

Paura furti in abitazione, colpi d’arma da fuoco anche a Monte Malbe

Dopo la sparatoria accaduta la notte tra lunedì e martedì a San Martino in Campo, altri spari sono stati sentiti anche a Molte Malbe. Il fatto sarebbe accaduto ieri sera. Ci sarebbe una banda che fa furti all’interno delle abitazioni. I residenti si sono organizzati – scrive il Messaggero dell’Umbra di oggi – in ronde private.

© Protetto da Copyright DMCA

La paura dei residenti e che la banda sia tornata in azione tra le case e le ville di Monte Malbe. Il problema dei furti sta assillando tutti, la gente è stremata. Le zone maggiormente colpite sono San Marco Conservoni e Monte Malbe

Nei giorni scorsi si è mosso anche Francesco Zuccherini, il Segretario Circolo PD San Marco: “I fatti di questi giorni – scrive – raccontano dei deplorevoli furti all’interno di molte abitazioni del territorio. Furti che si registrano anche ad orari inediti, come nel tardo pomeriggio, a causa della contingente emergenza pandemica, che ha portato al coprifuoco alle ore 22. Come Circolo territoriale del Pd – aggiunge – ci siamo battuti da sempre per chiedere di ripristinare il presidio territoriale delle forze dell’ordine; proprio dopo lo spostamento della caserma dei Carabinieri di Ponte d’Oddi, l’intera vasta area, che comprende anche le zone di San Marco e Conservoni, ha subito un forte ridimensionamento sotto il profilo della sicurezza. L’impossibilità ovviamente di avere un presidio fisso in ogni territorio, non deve portare ad una diminuzione del servizio erogato dalle forze dell’ordine. Anche dall’Amministrazione ci si aspetta un’azione molto più incisiva. Il Sindaco, in qualità di primo cittadino e membro del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, dovrebbe avere una maggiore attenzione per queste aree della città, egualmente importanti rispetto ad altre ma, allo stesso tempo, abbandonate e dimenticate dall’Amministrazione”.

Appello avanzato da alcuni cittadini, rivolto al Questore per chiedere: “Una particolare attenzione nei confronti di queste zone, prese di mira ormai da tempo dai ladri e all’Amministrazione affinché si ricordi che esiste anche questa parte di Perugia, ampia e numerosa, che non può essere né abbandonata né dimenticata dalle Istituzioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*