Movida Perugia, un piano per contenere degrado, vandalismo e violenza

 
Chiama o scrivi in redazione


Movida Perugia, un piano per contenere degrado, vandalismo e violenza

Un piano per tenere a freno il cattivo divertimento dei giovanissimi. E’ quanto sta predisponendo l’assessore alla sicurezza e alla protezione civile Luca Merli, che con le forze dell’ordine. La notizia è riportata dalla Nazione Umbria di oggi in un articolo firmato da Silvia Angelici.

Palazzo dei Priori sta studiando attività con modalità diverse e più efficaci per il contenimento dei fenomeni di degrado e per la prevenzione di episodi di violenza, tra ragazzini ubriachi. Tra le idee messe sul tavolo ci sarebbe quella di chiudere via Bartolo al transito dei veicoli o regolare le affluenze pedonali in piazza Danti.

Intensificare i controlli in certe aree calde del centro dove si concentrano episodi di vandalismo, come in via Mattioli (zona Porta Sole), piazza Alfani, via Baldeschi, via Ulisse Rocchi, via della Nespola, via pozzo Campana, via Bartolo (zona Arco Etrusco). Vicoli che vengono scambiati wc a cielo aperto.

Difficile mettere d’accordo le esigenze dei più giovani dopo mesi di rinunce e coprifuoco con quelle dei commercianti che sperano di rimpinguare gli incassi e quelle dei residenti che vorrebbero un centro più vivibile. Una soluzione va trovata e ordinanza che vieta l’alcol nelle sere di venerdì e sabato dalle 23 fino alle sei di mattina, non ha ottenuto l’effetto sperato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*