Mangiavano all’aria aperta, multe da 400 euro a 8 persone ad Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Mangiavano all'aria aperta, multe da 400 euro a 8 persone ad Assisi

Mangiavano all’aria aperta, multe da 400 euro a 8 persone ad Assisi

Sorprese a bere e mangiare nelle principali piazze. E così nella giornata di ieri la polizia locale di Assisi, guidata dal comandante Antonio Gentili, ha redatto 8 verbali elevando altrettante multe nei loro confronti perché incuranti delle regole imposte in quanto zona rossa. I fatti sono accaduti ad Assisi Centro, in piazza del Comune, a Santa Maria degli Angeli in piazza Almirante e a Tordandrea nella piazza del paese.  Gli 8 cittadini dovranno pagare ciascuno una multa di 400 euro.

© Protetto da Copyright DMCA

Anche alla luce delle ultime disposizioni previste dall’ordinanza regionale relative alle misure per contenere la diffusione del contagio da Covid 19, l’amministrazione comunale di Assisi ha dato disposizione di rafforzare i controlli su tutto il territorio al fine di vigilare sul rispetto di alcuni divieti come quello di assembramento e quello relativo al consumo di alimenti e bevande all’aperto, in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

“Dall’inizio della pandemia – ha affermato il sindaco Stefania Proietti – e in particolare da questa seconda ondata iniziata per noi in autunno non abbiamo mai abbassato la guardia sul versante dei controlli, così come ci siamo spesi sempre, insieme alle associazioni di volontariato, per stare vicino ai poveri della città con iniziative, progetti, azioni concrete.

Questo terribile virus si combatte con i comportamenti individuali, con l’attenzione e l’osservanza delle regole e delle misure di sicurezza, per questo mi rivolgo soprattutto ai tutti, adulti e giovani che, pur comprendendo il malessere dovuto alla mancata socialità, devono agire con senso di responsabilità perché soltanto evitando fatti come quelli sanzionati possiamo tutti insieme avviarci a riprendere, appena la campagna vaccinale darà i suoi frutti, la nostra normalità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*