Lotta alla droga a Terni squadra mobile ferma italiano e straniero appena scarcerato

Lotta alla droga a Terni squadra mobile ferma italiano e straniero appena scarcerato Fine settimana di controlli da parte della Polizia di Stato, servizi potenziati – come disposto dal Questore Antonino Messineo – finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, attuati con l’impiego di pattuglie e di uomini anche in borghese, che non tralasciano alcuna zona della città, dal centro alla periferia. L’arresto è avvenuto venerdì pomeriggio in via Eugenio Chiesa, quando gli agenti della Sezione Antidroga hanno visto un noto tossicodipendente che acquistava una dose da uno straniero.

Bloccati proprio nel momento in cui avveniva il rapido scambio

I due sono stati bloccati proprio nel momento in cui avveniva il rapido scambio della merce e sono stati identificati: l’acquirente, trovato con 5 grammi di cocaina, è stato segnalato come assuntore in Prefettura, mentre indosso allo spacciatore – un marocchino di 39 anni, con un permesso di soggiorno per asilo politico –sono state trovati 300 euro, appena incassati, oltre ad altri 700, tenuti in un’altra tasca.

Arrestato, era appena uscito di prigione

Il marocchino è stato arrestato, era appena uscito di prigione dopo una condanna per violenza domestica ed aveva precedenti condanne per reati di droga, inoltre era sottoposto alla misura dell’obbligo della firma e non aveva ancora ritirato il suo permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura de L’Aquila.

Leggi anche – Blitz antidroga Terni, sequestrata cocaina purissima, arrestati marito e moglie

L’altro spacciatore, questa volta ternano ed incensurato, è stato fermato sempre nel fine settimana in zona ospedale, quando l’attenzione degli agenti è stata attirata da un’auto che procedeva a zigzag ed era priva del poggiatesta laterale. L’auto è stata fermata e l’uomo con un certo nervosismo ha spiegato che il poggiatesta l’aveva tolto per non ostruire la visuale alla bambina che normalmente sedeva nel seggiolino posteriore, non presente in quel momento.

Una spiegazione plausibile, ma il suo atteggiamento ha portato gli agenti ad estendere il controllo anche alla vettura ed alla borsa contenente gli omogenizzati della bambina.

Tra i vari vasetti, ce n’era uno contenente della sostanza bianca: “E’ latte in polvere!” ha detto l’uomo, ma nel frattempo sono saltati fuori anche un bilancino di precisione, numerosi ritagli di cellophane e altri 10 grammi di sostanza, che analizzata insieme all’altra, è risultata essere cocaina purissima. I 20 grammi di cocaina sono stati sequestrati e l’uomo, un ternano di 35 anni, è stato denunciato in stato di libertà. Polizia di Stato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*