Limite a 5 km/h per biciclette su 130 km di strade, revocata ordinanza

La revoca della provincia ad ottobre l’udienza davanti al Tar

Limite a 5 km/h per biciclette su 130 km di strade, revocata ordinanza

Limite a 5 km/h per biciclette su 130 km di strade, revocata ordinanza

La Provincia di Perugia revoca l’ordinanza che istituiva il limite a 5 km/h per le biciclette lungo 130 chilometri di strade. A ottobre l’udienza davanti al Tar.

Una vittoria per Fiab e per il buon senso.

«Un caso da manuale sull’ottusità della burocrazia della Provincia di Perugia: dopo aver rifiutato a priori il confronto sollecitato dalle associazioni ciclistiche, si trova obbligata a revocare l’ordinanza (n° 15 del 1 febbraio 2021) con cui aveva istituito il limite di velocità a 5 km/h per le biciclette e 10 km/h per i motocicli lungo circa 130 km di strade provinciali particolarmente malmesse». Lo fa sapere Michele Guaitini, Fiab, – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta – in una nota fatta pervenire nelle redazioni.

L’efficacia di quella ordinanza era stata sospesa dal Tribunale amministrativo regionale (già il 12 maggio successivo) dopo il ricorso a cui erano stati costretti i circoli Fiab – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta  – più direttamente toccati: Perugia Pedala e Marsciano.

«Una vicenda che è costata tempo e denaro alle due associazioni di volontariato – scrive ancora Guaitini -, cui va aggiunto quello speso dalla Provincia di Perugia per realizzare i cartelli, collocarli ai bordi delle strade interessate, “oscurarli” con lugubri sacchetti dell’immondizia neri meno di tre mesi dopo e per le spese legali».

  • Tar dell’Umbria

«Alla vigilia dell’udienza di merito davanti al Tar dell’Umbria – aggiunge -, la Provincia ha fatto marcia indietro con una nuova ordinanza (n° 236 del 2 settembre 2021) con la quale ha revocato la precedente e nuove ordinanze che istituiscono limiti di 15 km/h per le biciclette e 20 km/h per i motocicli per i soli tratti maggiormente degradati».

  • Spreco di tempo, denaro ed energie

“Uno spreco di tempo, denaro, energie che si sarebbe potuto evitare se solo ci fosse stata disponibilità di ascolto alla nostra richiesta di incontro ancora nel mese di gennaio»,  evidenzia Paolo Festi presidente di Fiab Perugia Pedala.

  • Avevamo chiesto un incontro per cercare soluzioni

Festi ricostruisce la vicenda in questo modo: “Avevamo chiesto un incontro per cercare soluzioni più ragionevoli e condivise; si sarebbe potuto ovviare al problema, che non disconosciamo, delle strade pericolose soprattutto per le due ruote. Ma non è con divieti assurdi e impossibili da rispettare che si migliora la cultura stradale e si evitano incidenti. Per Fiab è indispensabile la manutenzione delle strade insieme alla collocazione razionale e tempestiva della segnaletica di pericolo. Torneremo perciò a chiedere un confronto con l’Ente all’esito del quale valuteremo la nostra posizione difronte al Tar in vista dell’udienza di ottobre

  • Interviene anche Micaela Doretto

Sulla vicenda interviene anche Micaela Doretto, presidente di Fiab Marsciano: “La nostra regione è per sua natura a forte vocazione cicloturistica e le strade provinciali, grazie allo scarso volume di traffico e al fatto che congiungono tra loro i nostri bellissimi borghi, costituiscono ottimi tratti di collegamento sia per i pendolari delle due ruote sia per i cicloturisti. Con provvedimenti del genere non si incoraggia di certo l’uso della mobilità sostenibile”.

1 Commento

  1. Motociclista telefonai mi passarono l’ideatore spiegai l’impossibilità al rispetto del limite imposto mi dissero che era solo per proforma spiegai che in questo modo non aveva più credibilità nessun limite.Oggi manca un confronto il potere è potere.Oggi leggo N.o. 15 e 20 km/h errare umanum est perseverare diabolicum est.Che ci pensi il Tar a far ripagare agli stessi il danno.Siamo stufi di pagare le tasse inutilmente

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*