Incidente mortale a Ponte Rio di Perugia, muore un uomo, ferita gravemente una donna

Incidente mortale a Ponte Rio di Perugia, muore un uomo, ferita gravemente una donna

Incidente mortale a Ponte Rio di Perugia, muore un ragazzo, ferita gravemente una donna. Incidente mortale a Ponte Rio. E’ accaduto oggi intorno a mezzogiorno, nel territorio di confine tra Ponte Felcino e Ponte Rio. A scontrarsi un mezzo pesante e un’auto.

Un giovane di 44 anni alla guida di una Fiat panda di vecchio modello – per cause in corso di accertamento – Panda ha perso la vita dopo essersi scontrato con mezzo pesante della Gesenu.

Il tutto è accaduto all’altezza di una curva. Da quanto appreso il giovane proveniva da Perugia e il mezzo dei rifiuti ritornava nella sede della Gesenu. Forse una distrazione o il sole di fronte, fatto sta che i due mezzi si sono scontrati frontalmente. Il camion della Gesenu ha cercato di evitare la Panda è finito fuori strada, piegandosi su di un lato.

Sul posto i vigili del fuoco dalla centrale di Perugia Madonna Alta e da corso Cavour, la polizia municipale di Perugia per i rilievi e l’ambulanza del 118, con il medico a bordo che non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. E’ arrivato il magistrato di turno Paolo Abbritti.

Con il giovane c’era la compagna di 38 anni. Lei è ferita gravemente. E’ stata soccorsa e portata in ospedale in codice rosso. I vigili del fuoco hanno lavorato un bel po’ per tirare fuori gli occupanti dalla Panda, ridotta in un cumulo di lamiere.

La strada è rimasta bloccata per circa un’ora per permettere i soccorsi e la rimozione dei mezzi incidentati. Il conducente del mezzo Gesenu, non ha riportato ferite, solo qualche piccola contusione.

Da quanto è stato possibile capire, ma la dinamica è al vaglio della polizia locale di Perugia, la Panda, nell’affrontare la semicurva scendendo da Perugia è finita addosso al camion della Gesenu. L’autista, nel tentativo di evitare lo scontro, è finito nel fossato. Si tratta di una ipotesi, certo, ma la dinamica più probabile potrebbe essere questa.

 

La rassegna stampa

Commenta per primo

Rispondi