Inchiesta sanità, Bocci vuole tornare libero e chiede di essere interrogato

Inchiesta sanità, Bocci vuole tornare libero e chiede di essere interrogato

Inchiesta sanità, Bocci vuole tornare libero e chiede di essere interrogato

Gianpiero Bocci vuole tornare libero ed  pronto a parlare con il gip. L’ex sottosegretario all’Interno e già segretario regionale del Pd umbro ha chiesto attraverso i suoi legali l’interrogatorio al giudice Valerio D’Andria e la revoca della misura cautelare. Lo riportano oggi i quotidiani.

Vuole tornare libero perché sono venute meno le esigenze cautelari di inquinamento probatorio, a fronte delle indagini svolte successivamente dalla procura.

E pronto spiegare il perché di quelle intercettazioni ambientali – scrive la Nazione Umbria – che lo indicano quale manovratore politico dei concorsi, capace di avere notizie riservatissime per sviare le indagini in corso.

Gianpiero Bocci, come Emilio Duca e Maurizio Valorosi, si trova agli arresti dallo scorso 12 aprile e deve rispondere di abuso d’ufficio, falso e rivelazione di segreto d’ufficio. In particolare Bocci – questa la ricostruzione delle fiamme gialle e della procura di Perugia – avrebbe raccomandato alcuni candidati ai concorsi pubblici del Santa Maria della Misericordia, facendosi consegnare le tracce delle prove.

Rassegna stampa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*