In galera mai più, dice ai Carabinieri, preso a Terni pericoloso latitante

In galera mai più, dice ai Carabinieri, preso a Terni pericoloso latitante

Preso alle porte di Terni il latitante brindisino, era in un residence. Brindisi: prima di darsi alla latitanza ha chiamato i Carabinieri ripromettendosi di non finire più in galera.  Rintracciato alle porte di Terni in un residence il latitante brindisino Andrea Errico.

Nel primo pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Brindisi Centro, collaborati dai militari della Compagnia di Terni, hanno tratto in arresto Andrea ERRICO 27enne di Brindisi, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’Appello di Lecce.

Il giovane  con un importante curriculum criminale alle spalle per reati contro la persona e il patrimonio prima di essere  colpito dal provvedimento di cattura della Corte d’Appello era stato collocato agli arresti domiciliari in Brindisi a seguito della commissione di una rapina  aggravata commessa in provincia di Lecce, a Taviano, ai danni di un esercizio commerciale.

Comunque già nel mese di gennaio scorso era stato dichiarato “latitante”, in quanto, mentre era sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora in Brindisi, arbitrariamente si era allontanato dalla città raggiungendo la moglie a Catania. Evidentemente l’aria di Brindisi non era di suo gradimento così anche verso la fine del mese di febbraio Errico ha nuovamente deciso di troncare i contatti con la città, rendendosi irreperibile.

In questa ultima circostanza ha avuto il cattivo gusto  di telefonare al Comandante della Stazione Carabinieri di Brindisi Centro, ripromettendosi di non finire mai più in galera.

Ovviamente dell’autonoma iniziativa dell’Errico è stata portata a conoscenza l’Autorità Giudiziaria che ne ha nuovamente dichiarato la latitanza. Sono così iniziate le ricerche del soggetto con tutta una serie di attività di natura informativa e operativa da parte dei Carabinieri della Stazione, che sono così riusciti a localizzarlo dopo quattro mesi di ricerche in una tranquilla frazione di Terni, a Papigno, dove aveva preso in locazione un appartamento in un residence, in cui ha trascorso le ultime ore al televisore assistendo ai match dei mondiali di calcio, dove è stato sorpreso dai militari, entrati nell’appartamento con le chiavi, acquisite dal figlio di 14 anni con uno stratagemma.

Nel corso delle operazioni di cattura i Carabinieri di Brindisi sono stati coadiuvati dai colleghi della Stazione di Papigno e della Compagnia di Terni. Dopo le formalità di rito  Errico  Andrea è stato condotto nel carcere di Terni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*