Esagitato insulta Carabinieri, denunciato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Esagitato insulta Carabinieri, denunciato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Nelle ultimissime ore, i militari della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Perugia hanno denunciato in stato di libertà, per l’ipotesi del reato di resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale, un 29enne di fatto domiciliato nel capoluogo umbro, già noto ai Carabinieri.


Fonte: Comando Provinciale Carabinieri di Perugia


I militari operanti, impiegati nel normale servizio di pronto intervento, nel tardo pomeriggio di sabato 29 gennaio, sono stati inviati dalla Centrale Operativa in questa Piazza del Bacio, in ausilio ai colleghi dell’Esercito, impiegati nei servizi di vigilanza agli obiettivi sensibili del capoluogo umbro nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, per l’identificazione di un giovane straniero poco collaborativo.

Infatti, il predetto, dopo aver attirato l’attenzione dei militari gesticolando platealmente al loro indirizzo, dall’altro lato della piazza e, successivamente, essersi avvicinato apostrofandoli in modo oltraggioso, sminuendo il servizio prestato, alle richieste degli operanti di calmarsi e spiegare il motivo della sua presenza sulla piazza, senza alcun motivo apparente, in evidente stato di alterazione, ha opposto fattiva resistenza, allontanando con le braccia gli operanti, continuando, nel frattempo, ad inveire e a proferire minacce nei loro confronti.

I militari, dopo aver tentato, più volte, senza successo, di calmare il giovane che, in tutta risposta, continuando ad insultarli, ha tentato di prendere il tonfa di uno dei due militari.

Fortunatamente, grazie alla professionalità dei Carabinieri, nell’occorso, né il giovane né i militari hanno riportato lesioni. Soltanto l’arrivo della pattuglia del Nucleo Radiomobile in supporto, ha permesso di riportare, definitivamente, la situazione alla calma e condurre, finalmente, il giovane in caserma per l’identificazione e il successivo deferimento all’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*