Eroina e metadone pronti per lo spaccio, straniero denunciato ed espulso

Eroina e metadone pronti per lo spaccio, straniero denunciato ed espulso

Si sono conclusi con importanti risultati i controlli straordinari effettuati nel territorio di Perugia, incentrati nella zona del centro storico, dell’immediata periferia e nell’hinterland del capoluogo umbro. Un costante lavoro di osservazione, finalizzato alla localizzazione di soggetti dediti a condotte malavitose.


Fonte: Questura di Perugia


Gli agenti della Squadra Volante di Perugia e del Reparto Prevenzione Crimine, con in collaborazione con il personale della Polizia Locale e con l’ausilio delle Unità Cinofile della Guardia di Finanza, hanno localizzato, nella prima mattinata di ieri, mercoledì 17 novembre, in zona via Settevalli, un cittadino extracomunitario di origini ucraine, classe 1986, trovato all’interno del proprio appartamento, ove deteneva, ben occultate, dosi di eroina confezionate e flaconi di metadone pronti ad essere  immessi sulla piazza di spaccio di Perugia.

Dopo aver posizionato le pattuglie lungo il perimetro dell’abitazione, al fine di evitare la fuga dell’uomo o il lancio di eventuale sostanza da una delle finestre, gli agenti sono entrati nell’abitazione ed hanno identificato il soggetto.

L’accurata perquisizione della casa, grazie anche all’utilizzo di cani anti droga delle Unità cinofile della Guardia di Finanza, ha permesso di rinvenire 3 involucri in cellophane elettrosaldato di eroina, nascosti minuziosamente all’interno di una stampante per computer.

Inoltre sono stati reperiti, occultati all’interno del frigorifero dell’uomo, 4 flaconi di metadone destinati ad altro soggetto.

Grazie alla verifica delle corrispondenze telefoniche del 35enne è stato possibile confermare che tutta la droga ritrovata sarebbe stata da li a poco immessa nel mercato dello spaccio.

L’uomo, terminati tutti i controlli, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente; per quanto riguarda invece la detenzione delle fiale di metadone, il cittadino ucraino è stato denunciato a piede libero per il reato di ricettazione e contestualmente è stata resa operativa la sua espulsione dal Territorio Nazionale in quanto trovato non in regola con le leggi sull’immigrazione.

Lo spaccio di sostanze stupefacenti è un fenomeno diffuso nei confronti del quale la Polizia di Stato di Perugia ha attivato un piano di repressione e prevenzione, operando anche in azioni congiunte interforze, secondo progettualità che, per il prossimo futuro, intendono incrementare i servizi di controllo straordinari, come quello eseguito nella giornata di ieri dalla Squadra Volante della Questura di Perugia, dal Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, dalle Unità Cinofile della Guardia di Finanza e dalla Polizia Locale di Perugia.

Presenza capillare nelle zone nevralgiche dello spaccio, maggior numero di posti di controllo,  sottoposizione ad identificazione ed accertamenti dei soggetti che si ritiene facciano parte della fitta rete dello spaccio di stupefacenti dovranno garantire una migliore risposta alle esigenze di sicurezza provenienti dalla collettività perugina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*