Bindella assolto, ecco le motivazioni in 38 pagine: «Altri scenari dietro, testimone inattendibile»

 
Chiama o scrivi in redazione


Bindella assolto, ecco le motivazioni in 38 pagine: «Altri scenari dietro, testimone inattendibile»

Bindella assolto, ecco le motivazioni in 38 pagine: «Altri scenari dietro, testimone inattendibile»

«Possibili scenari di vario tipo» dietro il delitto di Perugia. Si parla di questo nella sentenza della Corte d’assise d’appello che assolve Umberto Bindella dall’accusa di aver ucciso la studentessa pugliese Sonia Marra. «A seguito dell’acclarata esistenza di altri soggetti in rapporto con Sonia e frequentatori più o meno saltuari della sua casa si aprono inevitabilmente possibili scenari che potrebbero ricollegare ad altri soggetti, allo stato sconosciuti, le ragioni e la dinamica dell’omicidio. Anche i soggetti visti incontrarsi con Sonia nell’androne dell’edificio o nel suo appartamento, diversi da Bindella, potevano avere interesse a far sparire tracce di loro precedenti visite». E’ quanto scrive il relatore Fabio Massimo Falfari rigettando il ricorso della Procura. «Ancor più svilita – proprio per questo motivo – la certezza che a entrare nella casa della giovane la sera della sua scomparsa sia stato l’imputato e non, magari, qualche altro conoscente».

In 38 pagine la Corte d’assise d’appello di Perugia, presieduta da Giancarlo Massei mette un punto solido all’innocenza di Bindella dall’accusa di omicidio. “D’Ambrosio – il poliziotto che sostenne di aver raccolto le confidenze autoaccusatorie dell’imputato – non può essere considerato pienamente attendibile come correttamente rilevato dalla sentenza impugnata. Ha mutato così tante volte ed in più sensi la propria versione in ordine ai punti focali della vicenda da dimostrarsi, al di là di ogni più benevola valutazione, assolutamente non credibile”. A distanza di 12 anni il giovane forestale di Marsciano – difeso dagli avvocati Daniela Paccoi e Silvia Egidi – potrebbe aver chiuso il suo incubo con la giustizia, salvo ulteriori impugnazioni in Cassazione della procura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*