Aggressione a Fontivegge, Brunetti: «Lo stesso copione della settimana scorsa…»

 
Chiama o scrivi in redazione


Aggressione a Fontivegge, Brunetti: «Lo stesso copione della settimana scorsa...»

Aggressione a Fontivegge, Brunetti: «Lo stesso copione della settimana scorsa…»

Un sudamericano è stato aggredito forse da un magrebino, a Fontivegge. Colpito da un pugno e probabilmente una bottigliata. E’ accaduto sabato pomeriggio nei pressi della fontana di fronte il piazzale della stazione. Sul posto è intervenuta la squadra volante, a caccia dell’aggressore. Mentre un’ambulanza del 118 ha portato al Santa Maria della Misericordia il ferito in codice verde, ma è subito dimesso. E’ l’alcol la causa di tutto, pare che vittima e aggressore fossero ubriachi.

«Come sabato scorso si è ripetuta l’ennesima aggressione tra un tunisino e un sudamericano vicino la fontana di fronte la stazione – scrive Lorenzo Brunetti, il vigilantes -. Lo stesso copione della settimana scorsa…»

E poi ancora: «Diventa quasi irrilevante il motivo della lite, le innumerevoli bottiglie di vetro lasciate per terra, sono testimoni di quanto sia problematico l’abuso di alcool dei sudamericani nei fine settimana. Bottiglie di vetro che di per se non creerebbero particolari disagi se non di decoro, ma che diventano estremamente pericolose se contestualizzate nel nostro vicinato».

«La presenza dei tunisini (spacciatori o non) stanziali nei pressi della stazione – scrive ancora Brunetti -, deve essere risolta in maniera definitiva, sono sempre loro ogni volta a macchiare la reputazione di intero quartiere, protagonisti dei disordini più plateali, quelli più dannosi sul piano turistico e mediatico».

C’è chi minimizza: «Il tentativo di minimizzare questi episodi da parte di alcuni negozianti e residenti, non ci aiuta assolutamente a prendere di petto la situazione, è assolutamente necessaria una visione obiettiva e unita del problema, per questa si aspetta una partecipazione piena alla riunione pubblica che si terra il 21 settembre ore 17».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*