Incidente mortale, nella notte, muore Elisa Cesari di 21 anni

La tragedia è avvenuta alle 4,45. La giovane, da quanto si sa, avrebbe fatto tutto da sola

 
Chiama o scrivi in redazione


Incidente mortale, nella notte, muore Elisa Cesari di 21 anni

Non ce l’ha fatta Elisa Cesari, la ragazza di soli 21 anni morta in un incidente stradale a Badiali di Città di Castello. La tragedia è avvenuta alle 4,45. La giovane, da quanto si sa, avrebbe fatto tutto da sola. La ragazza stava viaggiando a bordo della sua auto,, una Mini Cooper, quando per motivi ancora da chiarire è finita fuori strada schiantandosi contro un greppo. L’allarme è stato dato da un passante e sul posto sono arrivati Forze dell’ordine e 118, oltre ai vigili del Fuoco. Inutili i soccorsi, la 21enne è morta poco dopo il loro arrivo.

Le forze dell’ordine stanno indagando per risalire alla dinamica del sinistro. Cordoglio anche dal sindaco, Luciano Bacchetta, che ha detto: “Facciamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia della giovane ragazza scomparsa stanotte in un incidente stradale nella frazione di Badiali. Di fronte alla morte di una persone giovane restiamo tutti colpiti e siamo davvero molto dispiaciuti per l’accaduto, per cui insieme alle doverose condoglianze, mandiamo alla famiglia un grande abbraccio”, ha detto il primo cittadino, a nome dell’intera amministrazione.

La dirigente scolastica del Campus, Baldelli-Patrizi-Cavallotti, professoressa Marta Boriosi, ha voluto ricordare con un messaggio toccante la sua ex alunna. “Il ricordo di Elisa, la sua bellezza, il suo sguardo inquieto, una ragazza che ha dato alla nostra scuola i suoi anni più belli, gli ultimi purtroppo. Oggi piange una famiglia e insieme a lei un’intera scuola: noi accogliamo ragazzi e cerchiamo di prepararli al futuro, quando il futuro si infrange drammaticamente come per Elisa, resta il ricordo delle promesse mancate, le sue promesse, quelle di una ragazza che aveva ancora tanto da dare e tutto da fare. Il nostro abbraccio va alla sua famiglia e a tutti gli amici che hanno potuto amarla”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*