Covid, Consulta degli studenti: “No dad ma screening continui e incremento corse bus”

Consulta degli studenti no dad screening continui incremento corse bus

Covid, Consulta degli studenti: “No dad ma screening continui e incremento corse bus”

Didattica a distanza o in presenza? È questo il quesito maggiormente discusso negli ultimi giorni da tutta la comunità delle scuole secondarie di secondo grado nel territorio italiano. Durante il pomeriggio del 12 gennaio 2022, la Giunta Esecutiva della Consulta Provinciale degli studenti di Perugia, in rappresentanza degli studenti, si è riunita per dibattere sulla scelta tra presenza e DAD.


Fonte: Consulta Provinciale degli Studenti di Perugia


A seguito di un costruttivo e attento confronto con i membri della Giunta il Presidente Francesco Palmiotto emette la seguente dichiarazione:

“Screening continui per tutta la comunità scolastica tramite tamponi gratuiti, per cercare di tenere sotto controllo la curva epidemiologica che nell’ultimo periodo è in crescita in tutta la Provincia di Perugia; la regolare e gratuita distribuzione delle mascherine FFP2 per studenti, insegnanti e personale ATA; l’incremento dei mezzi di trasporto e delle corse, affinché gli spostamenti avvengano in maniera sicura con un adeguato distanziamento; il potenziamento di controlli all’interno e all’esterno delle scuole per garantire il rispetto delle norme di sicurezza e in ultimo punto, ma non per importanza, l’aumento del personale scolastico per riuscire a sopperire alle assenze dei docenti, inevitabilmente causate da quarantene dovute a positività accertate o a contatti diretti con positivi, in modo da garantire un regolare proseguimento delle attività didattiche in presenza, cercando di evitare il più possibile potenziali interruzioni delle lezioni”.

Sono dunque queste le condizioni per un ritorno a scuola in sicurezza!

Purtroppo siamo ormai consapevoli di quali siano tutti i punti deboli e critici della DAD. Le diseguaglianze tra gli studenti, la fatiscenza basilare di adeguati dispositivi elettronici e l’impatto psicologico avuto sui ragazzi, che ancora influisce sulla vita di molti, sono solo una parte delle difficoltà che abbiamo dovuto affrontare negli ultimi due anni.

La pandemia non è ancora finita, mettiamo in uso tutti gli strumenti che abbiamo per riuscire a vivere nel migliore dei modi possibili questa situazione e per mantenere una scuola in presenza sicura al 100%.

Salvaguardiamo il diritto allo studio e il futuro del nostro paese investendo il più possibile sui giovani: i protagonisti del mondo di domani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*