Fp Cisl Umbria, incontro ad Assisi con i candidati alle elezioni Rsu

Cisl Fp, VI Congresso regionale: Talevi confermato alla guida

Appuntamento lunedì 28 marzo alle 9.30 alla Domus Pacis di Assisi per i candidati di Fp Cisl alle prossime elezioni dei rappresentanti Rsu, previste dal 5 al 7 aprile prossimi.

“Quasi 25.000 lavoratori del comparti Sanità, Autonomie Locali, Enti Centralizzati si recheranno alle urne per il rinnovo delle rappresentanze sindacali interne ad ogni struttura pubblica, per un totale di 180 luoghi di lavoro – ricorda il responsabile Fp Cisl Umbria, Luca Talevi – Si trattano, rispetto al passato di elezioni particolari perché dovranno disegnare  la pubblica amministrazione umbra  del post Covid,  alla luce anche delle risorse che giungeranno dal PNRR che dovranno essere oggetto di programmazione e sano investimento. Una sfida che riguarderà il futuro assetto della Sanita, ma anche di Regione, Comuni ed enti centralizzati  chiamati ad un importante ruolo cui assolvere  in un contesto nazionale che vede ancora da rinnovare due importanti CCNL quali quelli della Sanita e delle Autonomie Locali”.
“La Fp Cisl Umbria si presenta a questa sfida con liste qualificate e diffuse in quasi tutti i luoghi di lavoro con oltre quattrocento candidati in rappresentanza di tutte le professioni pubbliche. Nel 2018 si recarono alle urne oltre l’80% dei lavoratori ed oltre il 75 degli stessi diede fiducia al sindacato confederale. Sarà importante portare il maggior numero dei lavoratori possibili alle urne il 5 aprile per far comprendere al Governo che i lavoratori chiedono nuovi CCNL in grado di valorizzare le professionalità presenti nei luoghi di lavoro che hanno sempre garantito elevati servizi ai cittadini anche nei drammatici momenti pandemici ove, soprattutto in Sanità, i lavoratori hanno anche rischiato la vita”.
Ecco dunque l’incontro ad Assisi, alla presenza del segretario generale nazionale Fp Cisl Maurizio Petriccioli, “per ribadire come solo con la contrattazione ed il confronto in ogni luogo di lavoro potremo riconoscere ai lavoratori quanto meritano per l’impegno quotidianamente profuso per la collettività”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*