Cani lasciati soli i mezzo allo sterco a Fontivegge, protesta dei residenti

Cani lasciati soli i mezzo allo sterco a Fontivegge, protesta dei residenti

Cani lasciati soli i mezzo allo sterco a Fontivegge, protesta dei residenti

Due cani tenuti sul terrazzo, da soli per tutto il fine settimana, mentre i loro padroni – sembra due sudamericani – sono andati a fare il week end fuori Perugia. Guardate, nella foto che ci è stata inviata, in quali condizioni vivono queste povere bestie. Nessuno spazio per correre, nessuno luogo per fare i loro bisogni, e chissà come faranno per mangiare.

Il tutto accade in un condominio di Fontivegge al quarto piano, a Perugia.

Queste due povere bestiole, per tre giorni non hanno avuto nessuno che badava a loro e hanno vissuto, quindi, in mezzo alle loro feci e alla loro urina.

«La foto – dice la lettrice che ce l’ha inviata – è di questi giorni. Venerdì i due ecuadoriani sono partiti per il week end lasciando due cani in terrazza fino a domenica sera. È da tempo che lamentiamo le cascate di pipì sulla testa dei passanti – aggiunge – deiezioni provenienti dal balcone del 4 piano e la puzza di feci è insopportabile. Due cani di taglia grande non escono mai e abbaiano tutto il giorno. I carabinieri forestali allertati dai passanti sono intervenuti sabato, domenica e finalmente lunedì al rientro dei padroni, pare abbiano multato i proprietari per 300 euro».

Dal racconto della persona che ci ha scritto e mandato la foto, pare si tratti di un rottweiler (ci sembra ndr) e di un meticcio di taglia grande. «Due mesi fa – racconta ancora – la femmina ha anche partorito tre cuccioli».

Il problema, del quale sarebbe stato interessato anche l’amministratore del condominio, è vecchio di diverso tempo e per chi sta al piano di sotto e per chi cammina sulla strada accanto all’immobile è un problema serio, le feci e spruzzi di urina, pare, finiscano addosso alle persone e sul pianerottolo sottostante.

Da quanto ci riferisce il nostro lettore, della vicenda sembra si sia interessata anche la Asl, qualche tempo fa, ma siccome il padrone di casa li aveva rimproverati, all’arrivo degli operatori era tutto a posto. «Ma questa volta – dice chi ci ha chiamati – non sono sfuggiti alla multa del carabinieri forestali».

Nessuno spazio per la sgambatura, luogo assolutamente sporco, nessuno che si occupa di loro, che li accudisce, che li coccola come ogni buon amico dovrebbe fare…La domanda che ci poniamo, ma questo non  è maltrattamento animali? Domanda difficile certo, nessuno vuole che i due “cagnoloni” siamo portati via dai loro padroni, ma vorremmo invece che, chi ne ha l’autorità “spieghi” a queste persone che gli animali si debbono prendere solo se poi ci si prende cura di loro.

Tanto più che, poverini non per colpa loro, quando sono soli fanno quel che fanno e abbaiano tutta la notte mettendo in seria difficoltà chi vive lì accanto. 

 

 

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
25 + 17 =