Un albero sano sta per essere abbattuto, i cittadini si ribellano, ecco perché

 
Chiama o scrivi in redazione


Un albero sano sta per essere abbattuto, i cittadini si ribellano, ecco perché

Un pino marittimo di 15 metri in via Fonti Coperte 38 a Perugia sta per essere abbattuto perché “il proprio apparato radicale ha rigonfiato il piazzale adiacente, la strada, il marciapiede e il cordolo”. E’ quanto scritto nell’istanza del comune di Perugia che ne autorizza l’abbattimento per evitare il danneggiamento di opere esistenti.

© Protetto da Copyright DMCA

“Abbattere un albero di oltre 60 anni perché rovina la pavimentazione è assurdo, quando sarebbe molto più semplice sistemare la pavimentazione, potare l’albero e mantenerlo” – dice il dottor Gianluigi Rosi, residente in quella zona, ed ex presidente della circoscrizione. Rosi, insieme a un gruppo di altri residenti, si sta impegnando per evitare l’abbattimento che dovrebbe avvenire mercoledì. Sono state fatte due perizie una pro-abbattimento e un’altra contro l’abbattimento. In particolare quest’ultima, effettuata da dottore forestale Mauro Frattegiani, consiglia di non abbatterlo  e di intraprende altra strada.

“Sulla base di quanto esposto – è scritto nella perizoa effettuata il 19 ottobre -, si ritiene che la pianta non presenti caratteristiche tali da compromettere la sua stabilità e che non vi siano allo stato attuale dei rischi particolarmente elevati per persone o cose tali da necessitare interventi di abbattimento, mentre si ritiene urgente la realizzazione di interventi di alleggerimento della chioma. Al fine di ridurre sensibilmente i danni provocati dall’apparato radicale a opere esistenti, si consiglia la risistemazione del marciapiede senza asportare o recidere placche radicali o parti consistenti dell’apparato radicale, inserendo uno strato orizzontale di ghiaia spesso 15 cm oppure, in alternativa, l’utilizzo di elementi stabilizzanti del tipo “Cupolex radici””.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*