Umbricellum, Legge elettorale, ricorso a TAR, sarà depositato il 31 marzo

Umbricellum, rinviata udienza al 18 gennaio
Umbricellum, rinviata udienza al 18 gennaio

Sarà depositato martedì 31 marzo il ricorso al tribunale civile di Perugia contro la legge elettorale regionale “Umbricellum” curato dal collegio composto dagli avvocati Felice Besostri, Michele Ricciardi e Giuseppe Pennino.

3 deputati (Galgano di Scelta Civica, Gallinella e Ciprini del Movimento 5 Stelle), 3 consiglieri regionali (Stufara di Rifondazione Comunista, Sandra Monacelli dell’Udc e Orfeo Goracci di Comunisti Umbri), 2 candidati alla presidenza della regione (Amato De Paulis e Giampiero Prugni), 2 consiglieri comunali di Perugia (Franco Ivan Nucciarelli di Perugia Rinasce e Armando Fronduti di Forza Italia), rappresentanti del Comitato per la Democrazia in Umbria (Michele Guaitini e Andrea Maori segretario e tesoriere di Radicaliperugia.org, Leonardo Triulzi di Alternativa Riformista e Luigino Ciotti di Sinistra Anticapitalista), il professor Mauro Volpi (L’Altra Europa-Umbria), esponenti dell’Italia dei Diritti, del Comitato Popolo Sovrano, di Rigenerare la Democrazia, di Progetto Terni e 50 cittadini comuni costituiscono un fronte che è diventato sempre più vasto e che ha deciso di opporsi a questa legge palesemente incostituzionale, approvata con testardaggine da una parte della maggioranza con il soccorso consociativo di tre consiglieri dell’opposizione e nei confronti della quale il Governo sembra non avere il coraggio per impugnarla.

Premio di maggioranza senza fissazione di una soglia minima, l’inedito premio di minoranza, la clausola “salva alleati” per chi ottiene il 2,5% all’interno della coalizione vincitrice, il riparto dei seggi basato sui voti dei candidati presidenti anziché sui voti di coalizioni e liste e il mancato parere obbligatorio della commissione pari opportunità sono i punti contestati e per i quali si richiede al giudice di impugnare la legge difronte alla Corte Costituzionale affinché vengano tutelati i diritti costituzionali dei cittadini-elettori umbri.

L’operazione portata avanti dal Consiglio Regionale con l’approvazione dell’Umbricellum, per quanto sfacciata e arrogante, meritava una decisa risposta da parte di chi non accetta che le istituzioni e le principali regole democratiche diventino ostaggio di squallidi interessi di parte.

Dispiace che debba essere ancora una volta la magistratura a risolvere un problema che la politica non solo non ha saputo risolvere ma ha addirittura creato.
Confidiamo ora nella celerità del Tribunale nel fissare al più presto l’udienza di merito, comunque prima del 31 maggio data delle prossime elezioni.

Michele Guaitini (portavoce Comitato per la Democrazia in Umbria)
On. Adriana Galgano (Scelta Civica)
On. Tiziana Ciprini e Filippo Gallinella (Movimento 5 Stelle)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*